Toprak Razgatlioglu (ROKiT BMW Motorrad WorldSBK Team) ha demolito il record sul giro della Tissot Superpole per ottenere la sua 14ª pole position, avvicinandosi a una sola distanza da Colin Edwards. Nicolo Bulega (Aruba.it Racing – Ducati) è stato il suo principale sfidante al Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, ma il numero 11 non è riuscito ad essere più veloce di Toprak.

Tutti tranne Nicolo Bulega (Aruba.it Racing – Ducati) e Michele Pirro (Aruba.it Racing – Ducati) sono scesi in pista non appena la pit lane si è aperta. Toprak Razgatlioglu (ROKiT BMW Motorrad WorldSBK Team) è sceso immediatamente sotto il tempo del record sul giro con 1’32.786s, nonostante fosse molto vicino al compagno di squadra Michael van der Mark, così come Remy Gardner (GYTR GRT Yamaha WorldSBK Team) in seconda posizione con 1’32.991s; ma ancora a due decimi dietro Razgatlioglu. Il numero 54 è poi andato ancora più veloce con 1’32.709s al suo secondo giro. Quel tempo però non è durato a lungo, con Bulega che ha segnato un 1’32.556s al suo secondo giro lanciato, rivendicando provvisoriamente la pole position.

Il ritmo ha continuato a scendere nelle seconde sessioni con Razgatlioglu che ha segnato un 1’32.320s per reclamare la prima posizione, ma Bulega è andato 0.099s più veloce per tornare in P1, anche se questo tempo è stato successivamente cancellato a causa delle bandiere gialle esposte alla curva 14 per la caduta di Andrea Iannone (Team GoEleven) negli ultimi minuti della sessione, il che ha significato che Razgatlioglu ha ottenuto la pole position a Misano per la sua seconda pole della stagione e la 14ª in WorldSBK. Bulega partirà dalla seconda posizione davanti a Gardner, con l’australiano anch’esso sotto il record sul giro esistente e l’ultimo pilota nel gruppo dei 1’32. La pole di Razgatlioglu significa che ora detiene il record per partenze consecutive in prima fila per un pilota BMW a tre, battendo il precedente record detenuto congiuntamente da Marco Melandri e Tom Sykes di due.

QUATTRO PRODUTTORI NEI PRIMI QUATTRO

Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) ha portato quattro produttori nei primi quattro conquistando il P4, uguagliando il suo miglior risultato in Superpole a Misano per la quarta volta dopo il 2016, 2019 e 2022. È affiancato in seconda fila dal campione in carica Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) in quinta posizione, con il numero 1 che è salito nella classifica nelle fasi finali. Andrea Locatelli (Pata Prometeon Yamaha) ha segnato un 1’33.188s per conquistare il sesto posto.

Iannone guiderà la terza fila nonostante la sua caduta, avendo ottenuto il settimo posto con un 1’33.188s, finendo a meno di mezzo decimo davanti a Sam Lowes (ELF Marc VDS Racing Team) in P8. Dominique Aegerter (GYTR GRT Yamaha WorldSBK Team) partirà dalla nona posizione mentre Tito Rabat (Kawasaki Puccetti Racing) completa la top ten, il suo miglior risultato in Superpole del 2024.

Axel Bassani (Kawasaki Racing Team WorldSBK) ha mancato di poco la top ten dopo aver segnato un 1’33.608s, finendo a mezzo decimo dietro Rabat, mentre Danilo Petrucci (Barni Spark Racing Team) è stato 12° al suo rientro dall’infortunio. Per Jonathan Rea (Pata Prometeon Yamaha), l’otto volte vincitore qui partirà dalla bassa 15ª posizione, il suo peggior risultato in Superpole qui dal P16 del 2010. Van der Mark è stato 16° dopo una caduta alla curva 13 quasi contemporaneamente a quella di Iannone, ma in incidenti diversi.

I primi sei della WorldSBK Tissot Superpole

  1. Toprak Razgatlioglu (ROKiT BMW Motorrad WorldSBK Team) 1’32.320s
  2. Nicolo Bulega (Aruba.it Racing – Ducati) +0.236s
  3. Remy Gardner (GYTR GRT Yamaha WorldSBK Team) +0.586s
  4. Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) +0.755s
  5. Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) +0.791s
  6. Andrea Locatelli (Pata Prometeon Yamaha) +0.809s

Foto: Mazzocco Alessio – Giornalemotori