DTM, 7. + 8. Rennen Norisring 2024 - Foto: Gruppe C Photography

Nicki Thiim ha celebrato la sua prima vittoria nel DTM questa domenica al Norisring dopo aver dominato la gara 2 dall’inizio alla fine con la Lamborghini Huracan GT3 EVO2 No. 94 di SSR Performance.

Questa domenica al Norisring, Nicki Thiim ha offerto una performance impeccabile. Più tardi nella giornata, ha ottenuto la sua prima pole position nel DTM con la Lamborghini Huracan GT3 EVO2 No. 94 di SSR Performance. Basandosi su questo slancio, Thiim ha raggiunto la sua prima vittoria nella serie, dominando la gara dall’inizio alla fine.

All’inizio della gara, Thiim ha avuto una partenza perfetta, superando il suo compagno di squadra Mirko Bortolotti. Ha mantenuto il suo vantaggio per tutta la gara, dimostrando abilità e strategia eccezionali. Il pit stop di Thiim è stato eseguito senza intoppi, permettendogli di rientrare in pista comodamente davanti ai suoi avversari.

Sebbene Thiim sembrasse destinato a una vittoria tranquilla, un colpo di scena a fine gara ha aggiunto un po’ di tensione. Con solo dieci minuti rimanenti, è stata introdotta la safety car a causa di detriti in pista provenienti dalla BMW M4 GT3 No. 11 di Marco Wittmann, in gara per Schubert Motorsport. Nonostante questa interruzione, Thiim è riuscito a mantenere la sua posizione e, quando la gara è ripresa, ha concluso senza rivali, assicurandosi così la sua prima vittoria nella serie.

La competizione per il secondo posto ha visto dei cambiamenti drammatici, influenzando in particolare il potenziale di SSR Performance per un doppio podio. Maro Engel, alla guida della Mercedes-AMG GT3 EVO No. 130 per Mercedes-AMG Team Winward, ha sfruttato il suo giro di uscita dopo il pit stop per superare Mirko Bortolotti, impedendo così un doppio podio per il team Lamborghini di SSR Performance.

Arjun Maini, sulla Mercedes No. 36 per Mercedes-AMG Team HRT, ha ottenuto il quarto posto, finendo davanti a René Rast sulla BMW M4 GT3 No. 33 per Schubert Motorsport. La performance di Rast è stata particolarmente degna di nota, poiché è riuscito a risalire dalla 19ª posizione, conseguenza di una penalità di un posto per aver ostacolato Jack Aitken in Q2 questa mattina.

Più in basso nella classifica, Thomas Preining sulla Porsche 911 GT3 R No. 91 per Manthey EMA ha compiuto una mossa significativa durante l’ultimo restart per superare sia Luca Stolz sulla Mercedes No. 4 per Mercedes-AMG Team HRT, sia Sheldon van der Linde sulla BMW No. 31 per Schubert Motorsport. Il top 10 è stato completato da Ayhançan Güven sulla Porsche No. 90 per Manthey EMA e Kelvin van der Linde sull’Audi R8 LMS GT3 No. 3 per ABT. Franck Perera, alla guida della Lamborghini No. 63 per TGI by GRT, ha concluso al 15° posto.

Mirko Bortolotti lascia il Norisring in testa alla classifica generale del campionato, con un vantaggio di sei punti su Kelvin van der Linde.

Resulti: