Jenson Button, ex campione del mondo 2009, crede che la Red Bull non avrà altra scelta che sostituire Sergio Perez se il messicano dovesse continuare con questa scarsa competitività, andando a punti solamente in due delle ultime cinque gare disputate.

Il messicano ha faticato ancora una volta a Silverstone, dopo essere stato eliminato in Q1, chiudendo in gara ben fuori dalla Top 10 a due giri dal vincitore.

E questa mancanza di forma di Perez mette a rischio anche la leadership della Red Bull nella classifica costruttori, visto che quest’anno la squadra austriaca non sta dominando come nelle ultime stagioni ma si deve guardare alle spalle da una arrembante McLaren e da un ritorno sorprendente della Mercedes.

Button, durante lo scorso Gran Premio di Gran Bretagna, ha descritto le prestazioni di Perez come un “problema enorme”.

“È un problema enorme”, ha detto Jenson. “E’ stato un weekend terribile. Per certi versi è stato sfortunato. Questo non accadrà tutti i fine settimana. La McLaren ha recuperato tantissimi punti e la Mercedes, senza problemi di affidabilità, avrebbe tolto una gran fetta di punti alla Red Bull.”

“Sono in svantaggio, sono la terza squadra con il punteggio più alto al momento, nelle ultime cinque o sei gare. Ha bisogno di segnare almeno qualche punto, anche se non finisce dietro a Max”.

Button, che è stato compagno di squadra di Perez alla McLaren nel 2013, crede che la Red Bull dovrà sostituirlo se il messicano non dovesse andare a punti prima della pausa estiva.

“Non possono lasciarlo andare avanti così per sempre. Se alla prossima gara non andrà più a punti? Presto dovranno tirarlo fuori dall’auto e far entrare qualcun altro”, ha aggiunto.

“È dura. So che non è una bella sensazione per un pilota, è orribile. Ma per loro il campionato costruttori è importante”.

La Red Bull ha consegnato a Perez un nuovo contratto biennale prima del Gran Premio del Canada, una mossa sorprendente dato che aveva faticato nei due round precedenti ma sono emerse delle indiscrezioni secondo le quali ci sono una serie di clausole di prestazione nel contratto che consentono alla Red Bull di apportare dei cambiamenti se lo desiderano.