Dopo aver visto lo stile, la Porsche svela anche gli interni della sua prima ammiraglia full elettrica, la Tycan. Il design degli arredi si conferma come soluzione di continuità con la tradizione pur con un occhio importante al futuro.

La plancia è composta da una serie di display digitali che si stagliano per tutta la lunghezza anche davanti al passeggero.  

Il pulsante della messa in moto, invece, rimane come da tradizione alla sinistra del driver, anche se non c’è più un motore endotermico.

Il monitor da 16,8 pollici principale contempla i classici indicatori che contraddistinguono da sempre la strumentazione della 911. Molto funzionale la curvatura per evitare i riflessi.

Il guidatore può scegliere tra quattro diverse grafiche. C’è la Classic, Map, Full Map e Pure, che mostrano differenti tipologie di dati a seconda della finalità che si prefiggono.

Sui bordi del display ci sono alcune funzioni attivabili a sfioramento per il controllo di gruppi ottici fino a regolazioni specifiche per la dinamica ed il controllo dell’assetto.

Il controllo delle modalità di guida è affidato sempre al display principale che consente di selezionare le modaltià di guida. Ci sono la Range, Normal, Sport e Sport Plus, per finire alla Individual. Al di sopra della plancia rimane ancora il solito orologio tipico del pacchetto Sport Chrono.

Al centro della consolle c’è un secondo diplay da 10,9 pollici per il controllo del sistema multimediale che fa eco con l’altro display presente davanti al passeggero. Il sistema si attiva con l’assistente virtuale tramite comando vocale “Hey Porsche”.

Nella parte bassa della consolle centrale, c’è un ulteriore monitor di 8,4 pollici chiaramente di derivazione Audi per la gestione del clima quadrizona con un ulteriore controllo per i posti posteriori.

Spettacolare il controllo delle funzioni  che avviene senza che le dita necessariamente tocchino lo schermo che riconosce il gesto come tattile. Ai passeggeri viene anche tolta la possibilità di indirizzare i flussi con le bocchette di areazione che si regolano in modo completamente automatico.

Tra le app a disposizione ci sono Apple Music con abbonamento e playlist dedicate specificatamente ai clienti Porsche. Il tutto comandato attraverso il Porsche Voice Assistant. Ovviamente, tutto ciò non avrebbe senso senza un impianto audio all’altezza Burmester High-End Surround Sound System con Apple Digital Masters.

Inedito anche il rivestimento degli arredi denominato Club Leather OLEA un particolare materiale completamente biodegradabile ricavato da elementi naturali. Le tinte abbiate saranno il Black-Lime Beige, Blackberry, Atacama Beige e Meranti Brown tutti inediti per la Taycan.

Dal punto di vista tecnico le prestazioni saranno chiaramente in linea con il DNA Porsche diventando il punto di riferimento per il lusso sportivo assolutamente ecosostenibile. Ovviamente essendo previsto il debutto a Francoforte prossimo, non è possibile parlare di prezzi e dati sull’autonomia, che comunque saranno in linea con le ammiraglie di lusso del mercato.

Daniele Amore