I record sono fatti per essere battuti, diceva Michael Schumacher e i suoi record quest’anno rischiano di essere infranti da Lewis Hamilton. Sui social e tra gli appassionati di Formula 1 è scoppiato il dilemma: meglio Michael Schumacher o Lewis Hamilton? Il paragone non è semplice, entrambi sono due mostri sacri della Formula 1 che hanno scritto la storia di questa competizione sportiva, ma hanno corso in epoche diverse anche se i due hanno corso assieme in tre stagioni di F1.

Hamilton quest’anno eguaglierà probabilmente i 7 Titoli Iridati di Schumacher e chi meglio di Ross Brawn, che conosce molto bene entrambi i piloti, può raccontare le qualità di questi due fenomeni del volante.

Brawn ha lavorato come Direttore Tecnico prima per la Benetton (1991-1996) e poi per la Ferrari (1997-2006) ed è stato uno dei tasselli che ha permesso al tedesco di ottenere SETTE titoli iridati e la stessa persona che ha convinto Lewis Hamilton ad approdare in Mercedes dal 2013, proprio come sostituto di Schumacher.

“Hanno entrambi un grande talento in quello che fanno in macchina e in quei momenti in cui tirano fuori qualcosa dal nulla”, ha detto Brawn. “Alcuni dei giri di qualifica che Lewis ha fatto hanno lasciato la squadra senza parole. Michael era lo stesso. Lewis ha meritato ogni campionato che ha vinto”, ha aggiunto Brawn. “Si è trovato nella squadra giusta al momento giusto ed è al massimo delle prestazioni. Non commette errori ed è un pilota fantastico. La sua esibizione è eccezionale. Non è che Lewis stia vincendo per fortuna. Sta vincendo perché sta facendo un lavoro fantastico e tu devi dargli credito. ”

A parte il record dei sette titoli di Schumacher , il 2020 potrebbe anche vedere Hamilton superare il record di 91 vittorie che appartiene ancora al tedesco, un risultato che molti pensavano non sarebbe mai stato battuto. Ma Brawn ha notato una differenza chiave tra i due campioni nei loro approcci.

“Erano epoche diverse, gare diverse, diversi tipi di auto e personalità abbastanza diverse”, ha spiegato Brawn. “Lewis è incredibilmente professionale, dedicato e impegnato, ma Michael ha avuto una cura del dettaglio nei confronti dell’auto che Lewis non ha bisogno. Michael è cresciuto in un’era in cui non c’era la tecnologia che esiste ora. L’analisi dei dati era piuttosto grezza e il coinvolgimento del pilota è stato molto più elevato. Ora un pilota ha un’analisi del comportamento dell’auto in ogni curva appena arriva ai box. Quando ho lavorato per la prima volta con Michael, avevamo un foglio con i numeri delle curve e ha dovuto spiegare dove aveva sottosterzo o sovrasterzo e quindi lo analizzavamo.”