Pubblicità

Il venerdì delle prove libere del Gran Premio della Toscana al Mugello si è concluso con la Mercedes di Bottas velocissima in entrambe le sessioni. Per la prima volta nella storia di questo tracciato, le Formula 1 si ritrovano in questa pista molto veloce per giocarsi una gara valevole per il Mondiale e non solamente per effettuare dei test.

Bottas ottiene il miglior tempo nei primi 90 minuti grazie al crono di 1:17.879, seguito ad appena 48 millesimi dalla Red Bull di Verstappen e, quasi a sorpresa, da Leclerc su Ferrari staccata di 3 decimi dal leader: per la Rossa è una gara molto particolare poichè oltre ad essere quella di casa (la pista è di proprietà della Ferrari), si festeggia la gara numero 1000 della storia del Cavallino Rampante.

Dietro alla vettura del monegasco troviamo l’altra Mercedes di Hamilton e quindi il vincitore dello scorso Gran Premio d’Italia, Pierre Gasly, su AlphaTauri, staccato di quasi 8 decimi. Sesta la Renault di Ocon, davanti all’altra vettura di Faenza di Kvyat, ultimo pilota a rimanere entro il secondo dalla vetta.

Ottava la McLaren di Norris, protagonista di un simpatico check radio ad inizio sessione dove si è messo a cantare. Chiudono la top 10 Albon su Red Bull e Ricciardo su Renault. Appena fuori dalla Top10 troviamo Raikkonen su Alfa Romeo, nel ventesimo anniversario della sua prima prova con una F1 su questa pista. Tredicesimo Vettel, ad oltre 1.3 secondi dal compagno di squadra, ma i due piloti Ferrari hanno diversificato il programma in questa sessione.

Nel pomeriggio prime prove su come potrebbero essere le qualifiche: Bottas ancora veloce, davanti ad Hamilton per due decimi, con alle loro spalle la Red Bull di Verstappen ad appena 39 millesimi dal Campione del Mondo.

Il finlandese della Mercedes è stato l’unico a scendere sotto il muro del 1:17, siglando il tempo di 1:16.989. La sessione è stata segnata da un incidente di Norris alla Poggiosecco, dove ha sbattuto contro il muro esterno dopo essere uscito un pelo largo dalla curva. Sessione sospesa e tutti ai box per 10 minuti.

Una volta ripresa l’azione in pista, Verstappen si porta in terza posizione, quasi in linea col tempo di Hamilton, mentre Albon risale in quarta posizione, ma ad oltre sette decimi dal compagno di box. Alle spalle delle due Mercedes e delle due Red Bull troviamo la coppia di Renault di Ricciardo e Ocon, di appena 69 millesimi dietro ad Albon.

Settima posizione per Perez su Racing Point davanti a Gasly su AlphaTauri. Chiude la Top10 Raikkonen su Alfa Romeo e Leclerc su Ferrari mentre l’altra Rossa termina in dodicesima posizione. A fine sessione bizzarro incidente tra Raikkonen e Perez che si sono scontrati alla San Donato quando il messicano stava lasciando la pitlane. Seconda bandiera rossa della sessione ed episodio che sarà indagato dai commissari.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi