F1: Verstappen batte Hamilton e conquista la pole per il GP di Stiria

Max Verstappen mette in riga tutti e ottiene la pole position per il GP di Stiria di F1, beffando il suo rivale alla corsa iridata Lewis Hamilton che deve accontentarsi della seconda posizione. Terzo chiude Bottas ma il finlandese deve scontare tre posizioni di penalità dopo il testacoda in pitlane durante le FP2 di ieri. Questi tre piloti sono gli unici della top10 che hanno siglato i loro migliori tempi in Q2 su gomma media, con cui inizieranno la gara domenica.

Alla fine della Q3, Verstappen ha fatto due giri abbastanza buoni per la pole, ma è stato il suo tempo di 1m03.841 effettuato a inizio sessione ad essere sufficiente per la pole.

Bottas migliorò al secondo posto con il suo ultimo crono, ma il gap di 0.194s su Verstappen significava che il leader del campionato era l’unico pilota a scendere sotto il muro dei 1m04.

Hamilton scendeva in pista quasi subito dopo l’inizio della qualifica finale, siglando un 1m04.208s. Il campione del mondo poi è entrato ai box scendendo in pista sul finale per altri due giri veloci, con il miglior tempo di 1m04.067s, insufficiente per scalfire la pole di Verstappen nonostante il record nel primo settore, ma ha commesso un errore alla penultima curva che gli è costato qualche decimo e probabilmente la pole.

Ottima quarta posizione per la McLaren di Norris che chiude le qualifiche davanti all’altra Red Bull di Perez: questi due beneficeranno della penalità di Bottas e avanzeranno di una casella sullo schieramento.

Ottima prestazione anche della AlphaTauri che beneficia della cavalleria del motore Honda per portarsi in sesta ed ottava posizione, rispettivamente con Gasly e Tsunoda. Quest’ultimo, però, dovrà affrontare una indagine dopo le qualifiche per aver ostacolato Bottas alla curva 4 mentre stava effettuando il suo giro lanciato.

A sandwich tra le due monoposto di Faenza troviamo l’unica Ferrari nella Q3, quella di Leclerc: in una pista dove il motore conta parecchio, la Ferrari ritorna nell’oblio e per domani in gara non ci sono assolutamente speranze per vedere una Rossa lottare nelle zone alte della classifica.

Fernando Alonso su Alpine ha preso il nono posto davanti al pilota dell’Aston Martin Lance Stroll, che è entrato in Q3 nonostante il suo ultimo giro in Q2 sia stato eliminato per una violazione dei limiti di pista.

Russell ha sfiorato l’impresa di portare la Williams in Q3 ma ha dovuto arrendersi per appena 8 millesimi di secondo, scalzato dalla Alpine di Alonso sul finale. Il giovane britannico si è preso la soddisfazione di mettersi davanti alla Ferrari di Sainz, dodicesimo sulla griglia di domani.

Daniel Ricciardo chiude solamente al 13° posto con la seconda McLaren, davanti a Sebastian Vettel, che gli è stato cancellato un tempo identico a quello eliminato da Sainz nel suo ultimo giro in Q2. Chiude la Q2 Antonio Giovinazzi su Alfa Romeo.

In Q1, Nicholas Latifi ed Esteban Ocon sono stati i primi ad essere eliminati nell’ordine mentre gli altri piloti miglioravano sui loro giri finali. Tra gli esclusi nella prima manche anche l’altra Alfa Romeo di Raikkonen mentre le due Haas di Schumacher e Mazepin chiudono la griglia di partenza di domani.

Foto: LivePhotoSport