Pubblicità

Lewis Hamilton è stato il più veloce nelle qualifiche per il Gran Premio di Turchia 2021, ma subirà una penalità di 10 posizioni in griglia per il cambio del motore Mercedes, il che significa che il qualificato in seconda posizione, Valtteri Bottas, partirà in pole position domenica davanti a Max Verstappen della Red Bull.

Il rischio del 100% di pioggia previsto prima della sessione si è manifestato sotto forma di una leggera pioggerellina in Q1 ma le nuvole si sono presto dissipate e la pista si è asciugata per vedere Lewis Hamilton prendere il primo posto in quella sessione, a soli 0,007 secondi di vantaggio su Max Verstappen. La Q2 ha visto Hamilton ripetere l’impresa, e ha consegnato di nuovo nella sessione finale con uno sforzo finale di 1’22.868 secondi – un nuovo record della pista all’Istanbul Park.

Bottas era staccato di 0,130 secondi in seconda posizione, che sarà la pole vista la penalità inflitta ad Hamilton che lo farà retrocedere in 11ma posizione, mentre Verstappen era terzo a 0,328 secondi dalla vetta.

Ciò ha lasciato Charles Leclerc quarto in griglia per la Ferrari davanti a Pierre Gasly, il pilota dell’AlphaTauri a mezzo secondo dalla pole.

Fernando Alonso ha surclassato Sergio Perez della Red Bull, e il pilota Alpine avrà un compito difficile per mantenere non solo la qualificazione in settima posizione dietro di lui, ma anche tenere Lando Norris della McLaren in ottava posizione lontano.

Lance Stroll di Aston Martin e Yuki Tsunoda di AlphaTauri hanno completato la top 10.

Mick Schumacher è arrivato in Q2 qualificandosi al 14° posto dietro a George Russell della Williams, le cui speranze per la Q3 sono svanite all’ultima curva. Daniel Ricciardo della McLaren è stato eliminato dalla Q1 e partirà in sedicesima posizione.

A qualificarsi 15° è stato il ferrarista Carlos Sainz, ma le penalità per il suo nuovo motore significano che lo spagnolo partirà ultimo insieme a Nikita Mazepin di Haas.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi