Pubblicità

Il campione IndyCar ed eroe paralimpico Alex Zanardi ha finalmente lasciato l’ospedale a 18 mesi dall’incidente in handbike che lo ha lasciato con gravi lesioni alla testa e al viso.

La leggenda italiana di 55 anni era stata ricoverata in ospedale dopo essersi scontrato con un camion durante la staffetta handbike Obiettivo Tricolore nel giugno 2020, con le sue ferite che hanno richiesto molteplici operazioni e un programma di riabilitazione prolungato.

In un’intervista a BMW, la moglie Daniela ha fornito il primo aggiornamento sulle condizioni del marito da luglio, dicendo che Zanardi aveva lasciato l’ospedale poche settimane fa per continuare il suo recupero a casa.

La ripresa continua ad essere un processo lungo. Il programma di riabilitazione guidato da medici, fisioterapisti, neuropsicologi e logopedisti ha permesso progressi costanti. Certo, le battute d’arresto ci sono e possono ancora verificarsi. A volte devi anche fare due passi indietro per fare un passo avanti. Ma Alex dimostra ancora e ancora di essere un vero combattente.” ha detto la moglie Daniela.

“Un passo importante è stato che Alex è stato in grado di lasciare l’ospedale poche settimane fa ed è tornato a casa con noi ora. Abbiamo dovuto aspettare molto a lungo per questo e siamo molto felici che sia stato possibile ora, anche se ci sono ancora soggiorni temporanei in cliniche speciali pianificate per il futuro, per realizzare speciali misure di riabilitazione in loco”.

Zanardi ha fatto molti progressi in termini di condizioni e in particolare di forza del braccio, ha detto Daniela, che gli ha permesso di trascorrere la maggior parte del suo tempo sulla sedia a rotelle piuttosto che a letto.

Sulle sue aspettative per la futura guarigione di suo marito, ha aggiunto: “Non è ancora possibile prevedere come si svilupperà ulteriormente la sua guarigione. È ancora un percorso lungo e impegnativo che Alex affronta con molto spirito combattivo.

“È di grande aiuto per lui e per noi che riceviamo così tanto supporto in questo modo, non solo dai medici e dai terapisti che lavorano intensamente con lui. I nostri amici sono sempre lì per noi. Questo include la famiglia del BMW Group su cui possiamo sempre contare e che è saldamente al nostro fianco anche in questo momento difficile.

“Siamo molto grati a tutti per questo e per molto di più perché questi forti legami ci danno ulteriore energia. Questo vale anche per la continua simpatia che riceviamo da piloti, fan e conoscenti di tutto il mondo.

“Vorremmo esprimere un grande ‘Grazie’ a tutti coloro che inviano i loro buoni pensieri e il loro potere ad Alex.”

Pubblicità

Rispondi