Pubblicità

Kalle Rovanperä vince a mani basse il Rally di Svezia, la spettacolare tappa del mondiale rally tornata su uno degli elementi naturali che hanno fatto la storia del rallysmo, la neve! Il finlandese alla guida della sua ha preso le misure agli avversari per poi staccarli di netto nelle due ultime giornate del rally. Quella in Svezia è la prima affermazione in campionato e la terza in carriera. Rovampera ha dimostrato, contro lo scetticismo generale, di poter portare al termine in modo vittorioso le nuove vetture con tecnologia ibrida in un clima difficile come il freddo e la neve nonostante qualche problema nelle fasi finali. Alle sue spalle Thierry Neuville conquista una bella seconda posizione dopo una dura lotta con l’altra Toyota quella condotta da Esakappa Lappi.

Brutta battuta di arresto per Ott Tanak. Il pilota estone, invece, ha dovuto alzare bandiera proprio per problemi all’ibrido della sua i20 Coupé costringendolo al ritiro. Più fortunato Solberg che riesce a portare al traguardo la sua auto ma non senza difficoltà e con in ritmo che lo ha estromesso dalla vittoria. Diverso invece il caso di Elfyn Evans che ha commesso un errore che lo ha portato all’incidente a pochi chilometri dalla fine della PS16. Il pilota della terza Toyota ha perso il controllo della sua vettura andando a sbattere contro un banco di neve. L’urto ha danneggiando seriamente il cofano motore ma soprattutto il radiatore con ritiro dall’evento.

Grazie alla vittoria in Svezia, Kalle Rovanperä diventa leader del Mondiale dopo due gare. Il finlandese guida la classifica con 46 punti, seguito dal belga Thierry Neuville a quota 32. Terzo Sébastien Loeb a mezzo servizio. Per quanto riguarda la classifica costruttori, la Toyota comanda con 83 punti davanti alla M-Sport Ford e Hyundai, rispettivamente a quota 59 e 47 punti.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com