Pubblicità

Haas ha confermato che Nikita Mazepin non guiderà per il team durante la prossima stagione di Formula 1, con il pilota russo che è stato abbandonato a seguito dell’attacco militare del suo Paese all’Ucraina.

La mossa arriva nonostante la FIA abbia recentemente optato contro un divieto completo per i piloti russi e bielorussi nel motorsport, con l’organo di governo che consente loro di continuare a competere sotto una bandiera neutrale.

In una dichiarazione rilasciata sabato, è stato ufficializzato che Haas e Nikita Mazepin si sono separati. Oltre a lasciar cadere Mazepin, il team ha anche terminato il contratto con lo sponsor Uralkali, la società russa di fertilizzanti al potassio che è anche lo sponsor personale di Mazepin.

“Haas F1 Team ha scelto di terminare, con effetto immediato, la partnership del titolo di Uralkali e il contratto del pilota di Nikita Mazepin”, si legge nella dichiarazione.

“Come per il resto della comunità di Formula 1, il team è scioccato e rattristato dall’invasione dell’Ucraina e desidera una fine rapida e pacifica del conflitto”.

Chi sostituirà Mazepin?

Il capo del team Haas Guenther Steiner aveva precedentemente dichiarato che Pietro Fittipaldi era il favorito a sostituire il pilota russo, affermando che al momento non c’è nessun migliore pilota libero al momento del brasiliano-americano.

Il team ha scelto di non confermare un sostituto di Mazepin in questo momento e un portavoce del team ha spiegato che una decisione su chi guiderà la seconda vettura della Haas sarà presa all’inizio della prossima settimana, nei giorni che precedono il test in Bahrain che inizierà giovedì 10 marzo.

Un altro nome legato alla sostituzione di Mazepin è stato l’ex pilota Alfa Romeo Antonio Giovinazzi. Il pilota italiano ha lasciato la F1 come alla fine del 2021 e ha trovato un sedile in Formula E. Giovinazzi rimane parte del programma junior della Ferrari e, con la Ferrari che ha forti legami con la scuderia Haas, potrebbe essere un candidato un ritorno in Formula 1 a tempo pieno nel 2022.

Pubblicità

Rispondi