Pubblicità

Alpine crede di aver migliorato il problema del porpoising della sua vettura di Formula 1 2022 al punto da aver imparato come controllarlo a proprio piacimento.

La nuova generazione di auto di F1 godono dell’effetto suolo e quindi il fondo della vettura diventa il cardine dell’aerodinamica della vettura.

Durante i test, però, abbiamo visto come le monoposto saltellino in rettilineo, vittime dell’effetto porpoising che le fa rimbalzare pericolosamente come delle palline ad alte velocità.

L’A522 della Alpine è stata una delle vetture vittime di questo fenomeno, ma il direttore sportivo Alan Permane ritiene di aver compiuto importanti progressi nell’ultima giornata del secondo test in Bahrain per capire il problema.

“La focena e il rimbalzo di cui parliamo li possiamo controllare senza problemi”, ha detto Permane.

“Abbiamo una gestione migliore su questo effetto. Abbiamo giocato con ogni sorta di cose sulla rigidità delle sospensioni, le molle, le barre antirollio, i camber e abbiamo corso con diverse impostazioni di setup.

“Siamo molto più preparati dopo questi ultimi due giorni rispetto a quando abbiamo lasciato il tracciato di Barcellona”.

I team hanno perseguito diverse soluzioni per il porpoising. Alcuni hanno aggiunto sostegni al fondo, altri hanno tagliato il pavimento e alcuni hanno provato soluzioni meccaniche come l’aumento dell’altezza di marcia.

Permane ha detto che non si è trattato di modificare una sola cosa

“Ovviamente è collegato a dove si trova la parte posteriore”, ha detto Permane.

“Ma sulla nostra macchina ci sono anche altri fattori. Quindi non è solo questione di trovare la giusta altezza, ci sono altre cose su cui lavorare.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi