A pochi mesi dal lancio dell’EQS, Mercedes-EQ lancia la nuova EQE, sempre berlina ma leggermente più piccola. La gamma parte dalla EQE 350 con 292cv e 592Nm e EQE 500 con 410cv e 858Nm di coppia a cui farà seguito la variante sportiva da 680cv. Le dimensioni ridotte conferiscono alla EQE una certa snellezza potendo contare su sbalzi più ridotti e fiancate compatte. Viene confermato il concetto di design monolitico con poche giunture a vista con la parte posteriore dinamica ed un accenno di spoiler sul coperchio baule. A riempire la fiancata ci pesano le ruote da 19 a 21 pollici, insieme ad una spalla pronunciata e muscolosa. Le dimensioni esterne rimangono da ammiraglia con una lunghezza di 4946mm, una larghezza di 1961mm, ed un’altezza di 1512mm mentre lo spazio interno supera nettamente anche quelle dell’odierna Classe E.

Gli interni spiccano per la presenza dell’Hyperscreen MBUX con schermi ad alta risoluzione che si fondono senza soluzione di continuità. L’aspetto grafico dei dell’MBUX è perfettamente coordinato con la plancia che riduce al minimo la disposizione dei comandi analogici. Il display OLED da 12,3 pollici, per il passeggero anteriore, offre un’area di visualizzazione e controllo dedicata. Il passeggero può guardare contenuti come video, TV o navigare su Internet anche quando si è in movimento. La EQE, inoltre, sfrutta la logica di blocco intelligente basata sulla telecamera che rileva se il guidatore sta guardando il display del passeggero anteriore limitando lo sfruttamento dei contenuti per sicurezza.

Il software adattivo permette il controllo e visualizzazione dei comandi adattandosi all’utente suggerendo soluzioni personalizzate per sfruttare al meglio le funzioni di infotainment, comfort e la gestione della vettura. In questo modo si evita di accedere a sottomenu o impartire comandi vocali esonerando il driver dalle fasi che possono distrarre dalla guida.

Tutti i modelli EQE hanno un motore elettrico (eATS) sull’asse posteriore, mentre per le 4MATIC c’è una macchina elettrica anche sull’asse anteriore. La batteria agli ioni di litio è composta da dieci moduli per una capacità di 90 kWh e garantisce un’autonomia fino a 660 km secondo il ciclo di omologazione WLTP. I motori sincroni a magneti permanenti (PSM). Quello posteriore è a sei fasi potendo contare su un doppio rotore tri-fase. I magneti, e quindi il rotore, seguono il campo di corrente alternata rotante negli avvolgimenti dello statore, il cosiddetto avvolgimento pull-in per un campo magnetico particolarmente forte. La frequenza viene regolata, nei convertitori, dell’elettronica di potenza in base ai requisiti di velocità del driver. I vantaggi includono un’elevata densità di potenza, efficienza e costanza di potenza. Il sistema funziona con una potenza di 328v.

Il raffreddamento prevede una lancia d’acqua nell’albero del rotore che lo raffredda dall’interno. Altri elementi che compongono il circuito di raffreddamento sono le alette sullo statore, una struttura pin-aletta a forma di ago sull’inverter e un radiatore dell’olio della trasmissione. Ciò porta anche una maggiore efficienza durante la guida a freddo, perché lo scambiatore di calore riscalda l’olio della trasmissione riducendo l’attrito.

Il compressore elettrico del refrigerante ha una copertura ad incapsulamento. Nell’EQE a trazione posteriore è anche ammortizzato, mentre nei modelli 4MATIC è imbullonato direttamente all’eATS anteriore. La strategia di funzionamento è stata concepita per ridurre al massimo la rumorosità e le vibrazioni.

La sospensione della nuova EQE prevede, all’anteriore uno schema a quattro bracci e posteriore multilink progettata per integrare la sterzata posteriore. A richiesta sono disponibili le sospensioni pneumatiche AIRMATIC con sistema di smorzamento adattivo ADS+. Queste hanno caratteristiche che possono essere variate in modo completamente automatico su ogni singola ruota, sia nella fase di compressione che in estensione. Durante la guida, un sofisticato sistema di sensori e algoritmi, imposta gli ammortizzatori in base alla qualità della strada garantendo la risposta ottimale per ogni ruota. Il sistema audio surround Burmester ha i due paesaggi sonori: Silver Waves e Vivid Flux. Il primo è un suono sensuale e pulito tipico dei veicoli elettrici. Il secondo è di tipo più soave. Il Roaring Pulse per assimilare l’esperienza di guida alle vetture più potenti.

Il controllo mantiene costante l’altezza da terra indipendentemente dal carico del veicolo abbassandolo in SPORT di 20 mm, oppure a 120 km/h per ridurre la resistenza aerodinamica, aumentando la stabilità di guida. In ambito cittadino a 40 km/h la scocca può essere sollevata di 25 mm ed appena supera i 50 km/h si riporta automaticamente al livello normale.

Grazie all’asse posteriore sterzante l’EQE diventa manovrabile come un’auto compatta. L’angolo di sterzata sull’asse posteriore è fino a dieci gradi riduce il raggio di sterzata da 12,5 a 10,7 metri, garantendo allo stesso tempo una stabilità molto elevata. Il controllo delle reazioni dell’auto in curva avviene mediante l’azionamento integrato di sterzo e freni. A seconda degli pneumatici selezionati, i clienti possono scegliere tra due versioni dell’asse posteriore sterzante con un angolo di sterzata massimo di 4,5° e 10°

Il software di gestione della batteria consente gli aggiornamenti via etere rimanendo aggiornata durante tutto il ciclo di vita. Nel caso della batteria, il materiale è costituito da nichel, cobalto e manganese in un rapporto di 8:1:1 riducendo il contenuto di quest’ultimo a meno del 10% percento.

Per garantire costantemente prestazioni ottimali è stato ideato un sofisticato sistema di recupero di energia nelle fasi passive. In queste fasi la batteria viene caricata convertendo il movimento rotatorio meccanico in energia elettrica selezionando manualmente la decelerazione in tre stadi (D+, D, D-) tramite le leve del cambio dietro il volante o un modo automatico.

La funzione ECO Assist offre anche un recupero ottimizzato in funzione dello stile di guida più efficiente. Nel traffico, la vettura ne rileva l’intensità adattando l’azione fino all’arresto utilizzando al massimo la guida mono-pedale. Attraverso il Dynamic Select, Il conducente può modificare le caratteristiche del gruppo propulsore, dell’ESP, delle sospensioni e dello sterzo. I programmi di marcia sono COMFORT, SPORT, ECO e INDIVIDUAL.

La navigazione con Electric Intelligence pianifica il percorso più veloce e conveniente, comprese le soste per la ricarica in modo dinamico considerando eventuali ingorghi o variazioni dello stile di guida. Attraverso l’MBUX viene gestita la capacità della batteria sufficiente per tornare al punto di partenza senza ricarica.

La ricarica può avvenire con una presa da 11/22Kw da 8,25 a 4.25 ore. Con una ricarica fast, si può ridurre a 32 minuti per avere 250km di autonomia. Con la nuova funzione Mercedes me Charge Plug & Charge, l’EQE può avviare automaticamente il quando processo di ricarica si avvia automaticamente. I clienti Mercedes me Charge beneficiano della funzione di pagamento integrata con pagamento automatico. Mercedes me Charge conta attualmente più di 530.000 punti di ricarica AC e DC di cui oltre 200.000 alimentati da fonti di energia rinnovabile tramite Mercedes me Charge.

La sicurezza è sempre al top con un abitacolo rigido con speciali zone di deformazione e moderni sistemi di ritenuta con PRE-SAFE. La piattaforma tecnica dedicata garantisce l’installazione della batteria protetta dagli urti nel sottoscocca. Lo studio dell’urto frontale ha permesso un miglioramento nei crash test standard per l’assenza di motorizzazioni endotermiche e componenti meccaniche.

L’ultima generazione di sistemi di assistenza alla guida comprende numerose funzioni di supporto alla guida come l’avviso aggiuntivo di microsleep di ATTENTION ASSIST. Un sistema che analizza i movimenti palpebrali del conducente utilizzando una telecamera nel display del conducente. Lo stesso mostra il funzionamento dei sistemi in una visualizzazione comprensibile a schermo intero.

Rispondi