Pubblicità

Subaru Solterra rappresenta la sfida della Casa delle Pleiadi per affrontare il futuro della mobilità elettrica. Nello sviluppo del suo primo Global Battery Electric Vehicle, Subaru mirava a superare la concorrenza realizzando un veicolo che i clienti attuali potevano riconoscere come una vera Subaru conservando la sicurezza tipica della Symmetrical AWD.  

La potenza di 218cv è stata suddivisa sui due assali in modo simmetrico adottando due macchine elettriche rispettivamente da 109cv e 168Nm. Con la propulsione elettrica la risposta è più veloce e versatile rispetto ad una trazione meccanica pura. Inoltre, la gestione della potenza flessibile tra i due assi permette al Solterra di sfruttare appieno la trazione facendo prevalere l’asse anteriore o quello posteriore a seconda delle esigenze offrendo un’esperienza di guida reattiva e sicura.  

X-Mode concepito per la trazione elettrica

Il nuovo X-MODE aggiunge la funzione Grip Control, che consente di viaggiare a velocita controllata stabilizzandolo l’auto anche sulle strade più sconnesse aumentando la capacità in off-road controllando la velocità sia in salita che in discesa. In questo modo il guidatore può concentrarsi solo sull’indirizzare correttamente le ruote migliorando il controllo sullo sterrato. I tecnici Subaru sono intervenuti anche sulla taratura delle sospensioni anteriori e la risposta dello sterzo per gestire una migliore dinamica di guida su strada asfaltata con una guida sportiva tipicamente Subaru.  

Sia il Design esterno che interno riprendono in parte le linee della cugina Toyota. Le differenze sono nei dettagli come la griglia esagonale dalla forma senza soluzione di continuità. Un elemento che non assume più la funzione di presa d’aria, a sottolinea l’efficienza energetica di un veicolo elettrico. La fiancata si distingue per l’asse orizzontale che parte dalla calandra con la muscolatura che viene sottolineata dai dinamici parafanghi sporgenti tipici dei veicoli SUV.

Interni funzionali con nuova strumentazione

Il nuovo pannello strumenti è situato in alto alla base della cornice parabrezza al di sopra del piccolo volante ampliando la sensazione di spazio a disposizione per i passeggeri anteriori. Con questa soluzione i tecnici giapponesi hanno ottenuto un effetto che rappresenta una via di mezzo tra la disposizione classica ed un head up display. Il quadro digitale non è molto grande, ma offre tutte le informazioni utili a gestire le funzioni dell’auto visualizzando il consumo energetico, lo stato della batteria, ed il funzionamento degli ADAS.

Al centro della plancia il nuovo monitor per il sistema multimediale con grafica rinnovata. Un salto in avanti netto rispetto al passato. Un sistema dalla grafica con un interfaccia dedicata che consente di controllare le funzioni di infotainment, navigazione azionabile sia con comando touch che vocale. Inoltre, il sistema gestisce anche la connessione internet e le app di Android Auto ed Apple CarPlay in wireless. Le dimensioni della Subaru Solterra sono da vettura di classe media. Lo spazio interno è adatto a cinque persone. Il bagagliaio conserva una capacità discreta superando la quota di 452 litri. Valore che può essere ulteriormente ampliato sfruttando la modularità dei sedili posteriori.

Confortevole e sicura

Su strada emerge il comfort di guida, soprattutto nella modalità di marcia più ecologica. A spiccare è al silenziosità dovuta alla trazione elettrica e l’ottimo assorbimento delle sospensioni. Anche volendo affrontare una strada con buche di una certa rilevanza, la Solterra assorbe le asperità senza generare la minima vibrazione.

Basta spingere, nemmeno con tanta forza, sul pedale del gas per avere una buona accelerazione. Tre le modalità di guida: ECO, Normal e Power. Quando quest’ultima è inserita, grazie alla trazione AWD la spinta, soprattutto nei primi metri è molto forte. Per il primo 0-50km/h sembra di avere più cavalli rispetto ai 218cv e 336Nm. Poi il peso di 2 tonnellate prende il sopravvento e l’accelerazione diventa più lineare comprendo i 100km/h in un buon 7 secondi netti!

Buona dinamica di guida ed ottimo bilanciamento

La forza della trazione integrale simmetrica si esalta appena si affronta una svolta stretta. Anche con un pestone ignorante sul gas si percepisce chiaramente come l’asse posteriore lavori per sovrastare quello anteriore completando la svolta con l’acceleratore piuttosto che con lo sterzo.

Il comportamento dinamico della Solterra è concepito per farsi beffa del peso dell’auto. L’ingresso in curva è rapido, senza incertezze, con uno sterzo consistente e sufficientemente preciso, in modalità Power. Volendo forzare la mano fa capolino un leggero sottosterzo che viene perfettamente bilanciato dall’azione del motore sull’asse posteriore. Da qualche parte esiste un controllo di stabilità, ma il limite di tenuta è alto da rendere difficile il suo intervento almeno di non fare enormi errori di guida.  

Batteria da 71,4kW per un’autonomia fino a 420km

La batteria a litio, raffreddata ad acqua, ha una capacità di 71,4kW ed è alimentata a 355,2V.  Dal punto di vista dei consumi, la Solterra ha una percorrenza variabile a seconda che si decida di prendere la versione base con ruote da 18 pollici che dichiara 464km secondo ciclo WLTP, oppure la top di gamma oggetto della prova con 420km di autonomia.

Grazie alla funzione S PEDAL DRIVE, azionabile con le palette al volante, la Solterra permette di accelerare e frenare con il solo un solo pedale. Utilizzando al massimo questa opzione il consumo è possibile restare vicino al consumo effettivo di 16kW/100km. Valore che può salire a che a 19kW/100Km nella modalità Power. Facendo una media si ottiene comunque un valore di efficienza energetica dell’81%.

Symmetrical AWD senza perdite di efficienza

In sostanza la trazione elettrica ha consentito ai tecnici Subaru di poter offrire la Symmetrical AWD, da sempre fiore all’occhiello della casa delle Pleiadi, senza portarsi appresso la zavorra tecnica dei consumi maggiorati rispetto alle tradizionali vetture endotermiche con trazione su uno degli assi oppure on-demand. Nel caso della Solterra pur avendo questa caratteristica unica il consumo energetico pari alla concorrenza dello stessi livello di potenza.

Per la ricarica, La Solterra è dotata di un potente caricabatteria da 6,6 kW ed è ottenibile da una spina di tipo2 da 1.8kW in 43 ore. In occasione del lancio sarà fornita un set di base «Juice Booster» con Spina CCE 32, per presa di corrente industriale per la ricarica monofase con 16 A/3,7 kW per 21h di ricarica. In opzione è disponibile il WallBox, Juice Phaser, che aumenta la ricarica a 5,8 kW, riducendo il tempo di ricarica a circa 13 ore.

Ricarica rapida per avere l’80% in 30 minuti

La ricarica può avvenire tanto da una presa domestica quanto da una wall-box o da una colonnina pubblica. La massima velocità di ricarica è di 150 kW consentendo di raggiungere l’80% della capacità in circa 30 minuti. I costi ovviamente sono variabili. Attualmente le tariffe vanno da 0,40 a 0,45 euro al kW per le ricariche a bassa potenza, fino a 11 kW, e da 0,50 a 0,60 euro/kW per quelle da 22 kW per arrivare ai 0,79 per le ricariche ad alta potenza.

Per gestire al meglio le fasi di ricarica è stata messa appunto l’app SUBARU Care che sfrutta connettività collegandosi il sistema multimediale dell’auto. Una volta caricata sul vostro smartphone, la app consente di controllare le funzioni del climatizzatore, lo stato di carica della batteria e programmare i tempi di ricarica. Si può tanto pianificare il percorso sapendo in anticipo dove trovare le stazioni di ricarica. Inoltre, è possibile gestire lo stato di salute dell’auto e monitorare controllando i dati registrati relativi alla guida come guidare in modo ancora più efficiente.

Nuova piattaforma tecnica e-Subaru

La nuova scocca dedicata migliora anche la sicurezza in caso di collisione. In caso di collisione, la struttura trasferisce il carico a più parti del corpo vettura assorbendo in modo efficiente l’energia dell’urto. Il telaio è studiato per proteggere non solo gli occupanti del veicolo ma anche le apparecchiature ad alta tensione della vettura.

In ogni caso, la dotazione tecnologica della Solterra, nella versione top di gamma, 4E-xperience+, oggetto della prova comprende anche sistemi di controllo dell’area circostante come la visione a 360°, il riconoscimento dei segnali stradali (RSA), il sistema di avviso di uscita e mantenimento dalla corsia con intervento sullo sterzo, il Blind Spot Monitor.

Tecnologica con la guida semi-autonoma di secondo livello.

Inoltre, sono presenti i classici sistemi di sicurezza come la frenata di emergenza con evitamento dell’ostacolo agendo sullo sterzo, il nuovo assistenza all’uscita dall’auto per i veicoli che sopraggiungono e la frenata automatica in retromarcia ed infine il controllo della stanchezza al volante. Il tutto ad un prezzo di 63.900 euro a cui va aggiunta soltanto la vernice metallizzata. Prezzo che varia in funzione della scontistica operata da Subaru, gli incentivi statali e regionali che vengono applicati.  

In conclusione, la Solterra rappresenta la naturale evoluzione di tutti i concetti di sicurezza, comfort e guidabilità tanto cari a Subaru applicati alla mobilità eco-sostenibile. La casa delle Pleiadi ha inaugurato il suo nuovo percorso di mobilità elettrica nel migliore dei modi, con in SUV che incarna appieno il DNA di Subaru.

In collaborazione con Center Napoli concessionaria Subaru

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments