Pubblicità

I piloti Prema Ferdinand Habsburg e Louis Deletraz hanno conquistato il titolo della European Le Mans Series vincendo la 4 Ore di Portimao insieme a Juan Manuel Correa.

I piloti dell’Oreca 07 Gibson n. 9 si sono scrollati di dosso i primi avversari di Inter Europol Competition e TDS Racing x Vaillante conquistando la quarta vittoria di Prema su sei gare nella prima stagione ELMS della squadra italiana.

Deletraz ha tagliato il traguardo con 49.262 secondi di vantaggio su Job van Uitert che condivideva la Panis Racing Oreca, seconda in classifica, con Nico Jamin e Julien Canal.

I piloti Panis dovevano vincere e fare affidamento sul fatto che Prema finisse fuori dalla top 10 nella classe LMP2 da 16 vetture per causare un enorme sconvolgimento del campionato.

Ma una gara pulita di Prema ha impedito che ciò accadesse, con Deletraz che ha difeso con successo il suo titolo del 2021 con il Team WRT e Habsburg che è diventato un campione della serie per la prima volta.

Correa, nel frattempo, ha ottenuto la sua prima vittoria ELMS dopo essersi unito all’equipaggio n. 9 dal penultimo round.

Nicolas Lapierre, Yifei Ye e Niklas Kruetten di Cool Racing hanno completato il podio, con i piloti dell’Inter Europol Competition Pietro Fittipaldi, Fabio Scherer e David Heinemeier Hansson al quarto posto.

L’Inter Europol ha guidato le prime fasi della gara grazie a una buona partenza di Fittipaldi, che è passato dalla settima posizione in griglia in condizioni di umidità che hanno causato molti rimescolamenti nel campo della LMP2.

Correa inizialmente era in testa dopo aver superato il poleman Salih Yoluc, che andava in testacoda nel giro di formazione, ma è stato superato da Fittipaldi nel tornante di Torre Vip a circa 20 minuti.

Fittipaldi ha portato a cinque secondi il vantaggio dell’Inter Europol mentre Correa è sceso al terzo posto quando Tijmen van der Helm ha accelerato l’Oreca di TDS Racing sul rettilineo principale.

L’Inter Europol ha poi perso terreno durante lo stint di Heinemeier Hansson, con Mathias Beche che ha portato il concorrente Pro-Am TDS in testa alla classifica generale.

Beche è rimasto davanti ad Habsburg, che era al posto di Correa, fino a poco dopo la metà del percorso quando l’ordine è cambiato ai box quando TDS è passato al bagnato poco prima che si verificasse uno dei sei periodi di Full Course Yellow.

Diversi attacchi di pioggia leggera durante tutto il pomeriggio hanno generato a volte una superficie scivolosa che ha spinto alcuni team a considerare il cambio di mescola.

TDS Racing ha finito per riportare Beche ai box quando le slick sono emerse come la scelta giusta, e il team alla fine è uscito dalla contesa quando il pilota svizzero ha taggato la Ligier JS P320 Nissan dell’Inter Europol leader della LMP3 ed è andato in testacoda alla curva 11.

A quel punto, Prema era a un minuto di distanza dal suo rivale più vicino, che divenne per breve tempo la United Autosports Oreca fino a quando non perse due posizioni in un round di pit stop sotto FCY ​​e Phil Hanson andò in testacoda mentre cercava di recuperare il terreno perso.

Il principale beneficiario della sequenza dei box è stato Cool Racing, che ha saltato sia United che Panis per prendere il secondo posto. Panis è tornato davanti alla sua connazionale francese, ma non è stato in grado di fare nulla per la marcia di Prema verso la bandiera a scacchi e il titolo.

Gli onori della Pro-Am sono andati a Salih Yoluc, Charlie Eastwood e Jack Aitken del Racing Team Turkey, con Yoluc ed Eastwood che si sono guadagnati il ​​titolo nella categoria per le formazioni LMP2 con un pilota Bronze.

Cool Racing ribalta il deficit per il titolo LMP3

Una gara disastrosa per la capolista LMP3 di Inter Europol Competition ha portato il trio Cool Racing composto da Malthe Jakobsen, Maurice Smith e Mike Benham a conquistare il titolo di classe.

L’equipaggio della Cool Racing è arrivato in Portogallo con un vantaggio di 19 punti, ma che si è trasformato in uno svantaggio di sette punti dopo la gara di domenica.

La gara dell’Inter Europol si è svolta quando Nico Pino è entrato in contatto con l’LMP2 Oreca di Beche, eliminando la Ligier n. 13 della squadra polacca dalla battaglia per la vittoria.

Era ancora nella cornice del campionato, tuttavia, considerando che doveva finire sesto o meglio per rimanere davanti a Cool.

Ma ogni possibilità è stata strappata via negli ultimi 12 minuti quando Guilherme Oliveira è stato colpito dalla TF Sport Aston Martin Vantage GT3 di John Hartshorne mentre lottava con problemi di sterzo in uscita da un pit stop.

Nella classe GTE, la formazione tutta al femminile di Iron Lynx ha vinto per la prima volta in ELMS, ma è stato l’equipaggio della Proton Competition Porsche composto da Christian Ried, Gianmaria Bruni e Lorenzo Ferrari che alla fine ha concluso in testa alla classifica del campionato.

Sarah Bovy, Michelle Gatting e Doriane Pin hanno dominato la loro Ferrari 488 GTE Evo, partita dalla testa della griglia dopo che Bovy è diventata la prima poleman ELMS femminile sabato.

Pin ha tagliato il traguardo quasi un minuto e mezzo oltre Marco Sorensen, che condivideva l’Aston Martin n. 95 della TF Sport Aston Martin con Henrique Chaves e Ahmad Al Harthy.

Mikkel Jensen, Frederik Schandorff e Takeshi Kimura di Kessel Racing hanno completato il podio con la loro Ferrari.

Il terzo posto sarebbe stato abbastanza buono per Jensen e Schandorff per conquistare il titolo GTE nel caso in cui Proton non fosse arrivato al di sopra del settimo posto, tuttavia la Porsche 911 RSR-19 n. 77 è arrivata quinta per mantenere il suo vantaggio in punti.

RISULTATI: 4H Portimao

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments