Pubblicità

L ospita già un gran premio nel circuito cittadino di Jeddah, ma questo è sempre stato visto come una misura provvisoria prima del completamento della sua nuova struttura all’avanguardia a Qiddiya vicino a Riyadh.

Attualmente si prevede che Qiddiya sarà pronto nel 2026 e il piano originale prevedeva che la gara di F1 dell’Arabia Saudita si spostasse permanentemente im quel tracciato, ma il ministro dello sport dell’Arabia Saudita, Sua Altezza Reale il Principe Abdulaziz Bin Turki Al-Faisal, ha espresso un certo interesse a mantenere anche Jeddah nel calendario.

“Vediamo davvero i vantaggi di avere questi eventi per il Regno, ed è per questo che stiamo investendo così tanto. Forse ti concentri di più sullo sport, ma stiamo facendo lo stesso nella cultura, nell’intrattenimento e persino nelle mostre e in molte altre cose che guardiamo.”“Forse ti concentri di più sullo sport, ma stiamo facendo lo stesso nella cultura, nell’intrattenimento e persino nelle mostre e in molte altre cose”

“Potremmo sicuramente ospitare già due gare per quello. Ma penso che sia qualcosa di cui dobbiamo discutere con la F1 e vedere come va. Ma sicuramente ci piacerebbe avere due tappe in calendario”.

Dopo aver fatto un enorme investimento nella struttura di Jeddah, l’Arabia Saudita vuole opzioni per mantenerla operativa. Se le sue speranze di ottenere due gare vengono respinte, un’altra soluzione potrebbe essere quella di alternare la sede della gara di F1 ogni anno.

“È successo in Germania, tra Nurburgring e Hockenheim”, ha aggiunto il principe Abdulaziz. “Quindi potrebbe essere un’opzione.”

Il principe Abdulaziz ha detto che Qiddiya avrebbe offerto un’esperienza completamente diversa a Jeddah e che era anche in fila per la prima gara MotoGP del paese .

“Sarà un luogo iconico per una gara di F1, con un parco a tema che è accanto”, ha detto.

“Pensiamo che sia una buona transizione da Jeddah, perché è un ambiente totalmente diverso. Quindi non avrai due razze uguali in una regione: a Jeddah, è in riva al mare. Ma quando vai nell’altro, è il deserto, ha più un’atmosfera diversa.”

“Qiddiya è un progetto enorme. Speriamo che finiscano in tempo. Quindi potrebbe finire più o meno, all’interno dei loro obiettivi. Ma se lo fa, allora questa è l’idea di trasferirsi lì. Ma sicuramente la MotoGP ci sarà perché non possiamo ospitare la MotoGP a Jeddah”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com