Pubblicità

Max Verstappen vince il Gran Premio degli Stati Uniti regalando alla Red Bull Racing il titolo di campione del mondo costruttori 2022. Una vittoria importante per un team che doveva rendere omaggio alla memoria del proprio fondatore, Dietrich Mateschitz, scomparso ieri a 78 anni. Secondo, Lewis Hamilton che a lungo ha sperato di poter fare il colpaccio. A podio anche Charles Leclerc dopo una rimonta dalla dodicesima posizione. Peccato per Sainz fuori alla prima curva speronato dalla Mercedes di Russell in partenza.

Max Verstappen con la vittoria nel Gp degli USA, conquista il tredicesimo successo stagionale eguagliando sia Sebastian Vettel che Michael Schumacher. Per ciò che la Red Bull ha dimostrato in termini di competitività si tratta di un record che è destinato ad essere battuto. Nemmeno i problemi al cambio gomme hanno arrestato il passo di Verstappen verso la vittoria.

Da segnalare un bruttissimo episodio occorso al giro ventidue. Fernando Alonso, infatti, mentre era in scia alla Aston Martin del futuro compagno di squadra Stroll lo prendeva in pieno. Il canadese infatti, si muoveva all’improvviso per opporre resistenza causando il contatto a cui seguiva una pericolosa impennata dell’Alpine del due volte campione del mondo. La monoposto francese evitava per pochissimo il guard-rail riprendendo la gara mentre Mentre Stroll si è dovuto ritirare per i troppi danni alla sua AMR22. Alla fine lo spagnolo è riuscito a conquistare un ottimo settimo posto.

Brutta giornata per la Ferrari che poteva contare su Sainz in prima posizione. Purtroppo, il contatto con Russell ha impedito allo spagnolo di poter dire la sua in una gara spettacolare dove poteva essere protagonista assoluto. La gara della Rossa ricadeva tutta nelle mani di Leclerc che a suon di sorpassi recuperava dalla dodicesima posizione per aver cambiato dei componenti della power unit. Una volta tanto, la Safety Car, quella necessaria per rimuovere l’Alfa Romeo di Bottas ha permesso al ferrarista di ricucire lo strappo dando anche battaglia a Verstappen per la vittoria finale.

Il monegasco si rendeva autore di un paio di duelli con i piloti Red Bull. In particolare, Leclerc vinceva la battaglia fondamentale per la classifica piloti con i rivale diretto per la seconda posizione Sergio Perez giunto quarto al traguardo. Con questo risultato il messicano perde di fatti la seconda posizione in classifica generale.

La Mercedes dopo l’inizio disastroso di Russell ed una tattica di gara che non sfruttava al meglio le condizioni favorevoli occorse per le safety car, comunque porta il pilota britannico al quinto posto alle spalle della seconda delle Red Bull. Ottima la prestazione di Lando Norris. Il pilota della McLaren dopo un inizio difficile dove sembrava non avere il passo per lottare per stare in zona punti, dopo la safety car cambia passo riuscendo ad agguantare una eccellente quinta posizione che aiuta moltissimo il team nel mondiale costruttori.

Chiudono la top ten, l’Aston Martin di Vettel in odore di podio se non fosse stato per un errore clamoroso del team ai box. Il tedesco quattro volte campione del mondo ha comunque conquistato un ottimo ottavo posto. Nona la bella prestazione di Magnussen che porta a punti nel gran premio di casa la Haas, mentre chiude al decimo posto Tsunoda con l’Alfa Tauri.

Ormai libera da obblighi di classifica, la Formula 1 ha regalato agli spettatori sia presenti sulla pista di Austin che davanti alla televisione un gran premio bello pieno di sorpasso e colpi di scena. Preludio per un finale del mondiale all’insegna del divertimenti nelle tre gare che restano alla fine del campionato 2022.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com