Pubblicità

Alpine ha vinto il suo appello contro la penalità post-gara di Fernando Alonso al Gran Premio degli Stati Uniti, il che significa che lo spagnolo ha ottenuto il suo settimo posto reintegrato.

Dopo la gara di Austin, Haas ha protestato contro la Red Bull di Sergio Perez e la Alpine di Alonso, con il team che ha contestato la mancanza di azione degli steward in merito ai danni su entrambe le vetture.

Mentre la protesta contro Perez è stata respinta, ad Alonso è stata inflitta una penalità di 30 secondi dopo che la sua vettura è stata ritenuta non in condizioni di sicurezza durante la gara, facendolo cadere dalla posizione a punti dal P7 al P15.

Alpine ha continuato affermando che intendevano protestare contro l’ammissibilità della protesta di Haas, con la squadra di Alonso che ha sostenuto che Haas ha presentato la propria protesta dopo il termine stabilito.

Entrambe le squadre hanno partecipato a un’audizione degli steward giovedì 27 ottobre in vista del Gran Premio del Messico, il cui esito è stato ora annunciato.

Dopo che i commissari hanno inizialmente confermato la decisione iniziale, Alpine ha presentato un diritto di riesame che è riuscito a ribaltare la sanzione di Alonso.

La penalità di 30 secondi aveva fatto cadere il due volte Campione del Mondo fuori dai punti, ma ora è reintegrato in P7.

Alpine ha rilasciato una dichiarazione sui social media in cui si legge: “Il team BWT Alpine F1 ringrazia gli steward della FIA per essersi riuniti e per aver raggiunto una conclusione positiva sulla questione che riguarda l’auto n. 14 del Gran Premio degli Stati Uniti dello scorso fine settimana.

“Il team accoglie con favore la decisione presa dai suddetti commissari, per cui la vettura n. 14 ripristina il suo settimo posto e sei punti dalla gara.

“Non vediamo l’ora di continuare il nostro lavoro di collaborazione a fianco della FIA per garantire che lo spettacolo delle corse sia mantenuto alla massima qualità.

“La squadra ora non vede l’ora di gareggiare questo fine settimana al Gran Premio di Città del Messico”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com