Pubblicità

È morto all’età di 87 anni Mauro Forghieri, l’ingegnere italiano che è diventato una figura iconica in Formula 1 aiutando la Ferrari a vincere numerosi titoli.

Durante una lunga carriera come capo tecnico della Ferrari, dal 1962 al 1984, ha contribuito a guidare la Ferrari verso quattro titoli piloti, sette corone costruttori e 54 vittorie nei Gran Premi.

È entrato in Ferrari come apprendista nel 1960, dopo essersi laureato in ingegneria meccanica all’Università di Bologna.

Dopo aver fatto una buona impressione iniziale, in seguito alla partenza dell’allora capo progettista Carlo Chiti nel 1961, il fondatore del team Enzo Ferrari gli chiese di farsi avanti per guidare la parte tecnica della squadra.

Durante il suo incarico, è stato determinante nella creazione di alcuni dei progetti di F1 di maggior successo e famosi della squadra.

Ciò includeva la 158 con motore V8 con cui John Surtees vinse il titolo mondiale nel 1964, così come la serie 312 di fama sia da gran premio che da auto sportiva.

Altri piloti con cui ha contribuito a vincere i campionati alla Ferrari includevano Niki Lauda e Jody Scheckter.

Forghieri lasciò finalmente la sua posizione di direttore tecnico nel 1984 e passò a un nuovo ruolo lavorando sulla concept car Ferrari 408 4RM. Quando quel progetto fu completato, Forghieri lasciò definitivamente la Ferrari nel 1987.

Dopo la sua lunga carriera in Ferrari, Forghieri è passato alla Lamborghini dove ha lavorato al suo motore V12 che ha corso in F1 nel 1989 e nel 1990.

È stato anche brevemente coinvolto negli sforzi, alla fine bloccati, per un nuovo team GLAS F1 sostenuto dalla Lamborghini, che poi è diventato il team Modena nel 1991.

Quando l’ufficio tecnico della Lamborghini fu riorganizzato alla fine del 1991, e il team Modena rimase senza fondi, Forghieri se ne andò e contribuì a fondare il gruppo di progettazione meccanica Oral Engineering, i cui clienti includevano BMW, Bugatti e Aprilia, venendo ancora coinvolto nel progetto fino a poco tempo fa.

L’italiano ha tenuto d’occhio la F1 e diversi anni fa ha notoriamente chiarito come non gli piacessero le regole attuali che consentivano il DRS.

“Non mi piace l’intera aerodinamica delle auto attuali”, ha detto. “Non capisco perché non venga ridotto per consentire il normale sorpasso senza DRS.

“Ora, se un avversario è indietro di meno di un secondo, può solo guardare mentre il suo inseguitore passa, e questo non può essere corretto.

“Un campione del mondo deve essere in grado di sorpassare il suo avversario senza aiuto. Altrimenti, ai miei occhi, non è un campione del mondo”.

Per il suo storico contributo alla Ferrari, Forghieri ha ricevuto lo scorso gennaio la cittadinanza onoraria di Modena.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com