Pubblicità

Max Verstappen ha incolpato Lewis Hamilton per la collisione durante il Gran Premio del Brasile.

Dopo la prima Safety Car uscita per l’incidente tra Daniel Ricciardo e Kevin Magnussen, il pilota della Red Bull ha tentato di sorpassare Hamilton per il secondo posto alla ripartenza.

Girando all’esterno della Mercedes alla curva 1, Verstappen ha cercato di completare la mossa all’interno della curva 2.

I due piloti si sono incontrati all’apice della curva, costringendo Hamilton ad andare largo e danneggiando l’ala anteriore di Verstappen.

Hamilton ha continuato a scendere di diverse posizioni – anche se ha recuperato per lottare per la vittoria – e Verstappen si è fermato ai box per le riparazioni, ricevendo una penalità di tempo dagli steward e ha rimontato per finire in un controverso quinto posto .

Verstappen: Hamilton non aveva intenzione di dare spazio

Parlando dopo la gara, Verstappen credeva che Hamilton avrebbe potuto fare di più per evitare l’incidente.

“Sono andato all’esterno alla curva 1, e ho visto che non appena gli stavo andando accanto, non aveva intenzione di lasciarmi spazio”, ha detto Verstappen ai media.

“Ho pensato: ‘va bene, non abbiamo bisogno di spazio e ci scontriamo solamente’ e lui ha rovinato le sue possibilità di vincere la gara.”

“Ho pensato che dopo l’anno scorso, forse ce ne dimenticheremo, possiamo finalmente correre, sai, perché prima di tutto, quando sono andato fianco a fianco, ho pensato, ‘va bene, facciamo una bella gara’.

“Sono rimasto sorpreso quando ho preso la penalità di cinque secondi. Voglio dire, non ero arrabbiato, ma se me lo chiedessi lo rifarei; assolutamente”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com