La Formula E svela la terza generazione di monoposto

L’ABB FIA Formula E World Championship è pronto per il prossimo grande salto, con un nuovo look per la stagione 9 che segna l’avvento dell’era Gen3 e il debutto della vettura di terza generazione della serie, l’auto da corsa elettrica più veloce, leggera, potente ed efficiente mai costruita.

Dopo i test a Valencia il mese prossimo, la Formula E si dirigerà a Città del Messico il 14 gennaio 2023, dove si prevede che 40.000 spettatori riempiranno le tribune per quella che sarà la prima gara dell’ultima generazione di Formula E, con auto rivoluzionarie, una griglia di 22 piloti di livello mondiale e i più grandi nomi automobilistici e automobilistici del mondo pronti a competere per il titolo del Campionato del Mondo FIA.

Il campionato continuerà con tre nuove città che ospiteranno per la prima volta gare di Formula E: Hyderabad, India (Round 4, 11 febbraio); Città del Capo, Sudafrica (Round 5, 25 febbraio) e San Paolo, Brasile (Round 6, 25 marzo).

Rivoluzione tecnologica

Gen3 è l’auto da corsa elettrica più veloce, potente, efficiente e sostenibile mai costruita.

Il salto dalla vettura Gen2 in uscita produce velocità massime più elevate, accelerazioni più rapide, più del doppio della capacità rigenerativa con un nuovo propulsore anteriore e circa il 40% dell’energia utilizzata dalla frenata rigenerativa su una distanza di gara.

L’auto può raggiungere una velocità massima di 0-60 mph (100 km/h) in meno di tre secondi, 200 mph (320 km/h) grazie al suo motore elettrico che eroga circa 350 kw (470 CV) con il doppio dell’efficienza di un motore a combustione interna equivalente.

Evoluzione sportiva

Oltre ai rivoluzionari macchinari in pista, i regolamenti sportivi della Formula E sono stati oggetto di aggiornamenti evolutivi per dare inizio alla nuova era. Un giro totale sostituirà il tempo impiegato per stabilire la distanza di gara, con l’aggiunta di giri aggiuntivi per le interruzioni delle gare con Safety Car e Full Course Yellow.

Più avanti nella stagione 9, Attack Charge, che utilizza batterie e tecnologie di ricarica all’avanguardia, consentirà alle vetture Gen3 più nuove, più piccole e leggere di ricevere una spinta di energia in gara, erogata a 600 kW velocissimi. Questa sosta obbligatoria di 30 secondi sbloccherà due periodi della modalità Attacco con le auto che funzionano a 350 kW contro i 300 kW di serie.

I talenti emergenti avranno anche l’opportunità di brillare nel più importante campionato mondiale di corse elettriche, con squadre che schiereranno piloti esordienti in due sessioni di prove libere 1 nel corso della stagione.

Griglia di prima classe

Due grandi nomi della McLaren e della Maserati entreranno in scena per la stagione 9 insieme ai migliori costruttori di veicoli elettrici e delle scuderie automobilistiche di tutto il mondo sulla griglia di Formula E.

Il primo è tra i più grandi nomi del motorsport, con 20 titoli del campionato del mondo di Formula 1, 180 Gran Premi e tre vittorie alla 500 miglia di Indianapolis, oltre a una vittoria alla 24 Ore di Le Mans al primo tentativo.

Maserati segna il suo ritorno alle competizioni monoposto per la prima volta in più di 60 anni ed è destinata a diventare il primo marchio italiano a competere in Formula E. Entrambe le società hanno citato la Formula E come elemento chiave nei loro programmi di sviluppo di veicoli elettrici, come un intenso laboratorio sportivo per diffondere le conoscenze in pista e infine per le loro offerte su strada.

Ognuno correrà per il primo premio insieme a giganti di questo sport come il leggendario marchio britannico Jaguar, le icone delle corse americane Andretti, Nissan, diversi campioni di Formula E DS, la casa automobilistica indiana Mahindra, le leggende dello sport Porsche, i pionieri cinesi dei veicoli elettrici NIO, tra le squadre da corsa più decorate della squadra tedesca ABT Sportsline e del team anglo-cinese Envision Racing.

Accelerazione elettrica

La Formula E assume un look completamente nuovo per Gen3, con una nuova era basata sull’accelerazione elettrica, che evoca la rapida transizione della serie da un’idea su un tovagliolo al campionato del mondo FIA in soli sei anni.

La nuova identità è ispirata alla coppia istantanea dell’accelerazione elettrica. Il sistema riflette anche il ruolo dello sport come catalizzatore; aiuta i produttori ad accelerare le tecnologie dei veicoli elettrici, il ritmo con cui nuovi fan stanno entrando in questo sport, la velocità senza precedenti con cui lo sport ha raggiunto lo status di Campionato del Mondo FIA e, più in generale, la visione del campionato di accelerare il progresso umano sostenibile.