Cinque problemi che il nuovo team principal della Ferrari dovrà risolvere per il 2023

La Ferrari ha confermato la partenza di Mattia Binotto da team principal a fine dicembre. Ecco cosa dovrà cambiare il suo sostituto quando accetterà l’incarico per il 2023 .

Migliorare le strategie

Uno dei punti deboli della Ferrari nel 2022 sono state le sue strategie costantemente scadenti o indecise. 

    La definizione della strategia è parte integrante di qualsiasi squadra di F1, soprattutto quando due squadre sono alla pari in termini di prestazioni assolute. 

    Le gare di F1 sono spesso decise da chiamate importanti al muretto dei box, se dovrebbero optare per una strategia specifica: una o due soste?

    La stagione 2022 della Ferrari è stata disseminata di errori operativi, dalle chiamate di pneumatici errate alla scarsa comunicazione sul muretto dei box con i loro piloti e Charles Leclerc si è trovato vittima di una serie di bizzarre scelte strategiche.

    A Monaco, la Ferrari non è riuscita a reagire alla Red Bull che ha messo Sergio Perez sulle intermedie, costando a Leclerc il potenziale per vincere la sua gara di casa, scendendo dalla pole position al quarto posto.

    Storia simile anche a Silverstone dove la Ferrari non ha fermato Leclerc sotto la Safety Car, consentendo al compagno di squadra Carlos Sainz di sorpassarlo, prima di perdere ulteriori posizioni a favore di Perez e Lewis Hamilton.

    Secondo alcuni voci, il Gran Premio di Gran Bretagna è stato il momento in cui il rapporto tra Leclerc e Binotto si è inasprito dopo che l’italiano ha dato al suo pilota di punta una sorta di rimprovero dopo la gara nel parco chiuso.

    L’Ungheria è stata un’altra gara condizionata da una strategia errata, che ha visto Leclerc montare le gomme dure quando si erano dimostrate pessime gomme da gara. La Ferrari ha commesso grossi errori strategici anche in passato, quando Vettel ha lottato per il titolo nel 2017 e 2018 e, andando ancora più indietro, nel 2010 ad Abu Dhabi. La Ferrari deve affrontare questo problema se vuole avere qualche speranza di battere la Red Bull il prossimo anno.

    Dare fiducia a Leclerc

    Con Leclerc in scadenza di contratto alla fine del 2024, la Ferrari deve fare tutto il possibile per placare il monegasco. Leclerc è l’uomo di punta della Ferrari e, se gli viene data la macchina, ha gli strumenti necessari per metterla davanti a Verstappen e Hamilton.

    Sebbene Sainz sia un pilota solido, deve ancora mostrare i livelli di velocità di Leclerc o Verstappen. Certo, lo spagnolo ha lottato con la natura sovrasterzante della vettura Ferrari nella prima metà della stagione, ma la macchina dovrebbe essere adattata al loro miglior pilota, come fa la Red Bull con Verstappen.

    È fortemente probabile che la Mercedes cercherà un sostituto per Hamilton entro il 2025, quando Leclerc sarà in scadenza di contratto. Se la Ferrari non può dimostrare di avere il potenziale per vincere il titolo, Leclerc potrebbe iniziare a cercare altrove. Inoltre, è nell’interesse della Ferrari avere una chiara gerarchia di squadra visto il successo che ha avuto in passato sia la Red Bull che la Mercedes e persino la Ferrari stessa ai tempi di Schumacher.

    Cambiare la mentalità della squadra 

    Sorprendentemente, la Ferrari non vince ancora il campionato piloti dal 2007. Da allora hanno avuto alcuni occasioni, ma è chiaro che la famosa squadra italiana non è una affermata squadra vincitrice del titolo.

    Dopo due stagioni deludenti per i loro standard elevati, la Ferrari è tornata in testa alla griglia nel 2022 con un’auto vincente. Fino al Gran Premio del Belgio, la Ferrari aveva la macchina più veloce, ma Verstappen aveva il pieno controllo della corsa al titolo.

    Sembrava che Binotto fosse soddisfatto della stagione della Ferrari perché aveva fatto progressi significativi durante l’inverno, anche se la loro offerta per il titolo è crollata prematuramente. Anche l’incapacità di Binotto di riconoscere o accettare i fallimenti della Ferrari durante la stagione è stata sconcertante. 

    Certo, si sono fatti progressi rispetto alla stagione 2021, ma date le loro dimensioni, statura e risorse, era solo questione di tempo vedere una Ferrari ritornare alla vittoria, anche se quattro successi in 22 gare non sono ancora sufficienti. 

    Sviluppo dell’auto

    Sviluppare la propria vettura nel corso di una stagione è stato un punto debole per la Ferrari nei suoi recenti inseguimenti per il titolo. A Maranello sono stati i più colpiti dalla direttiva tecnica introdotta a Spa, anche se la Ferrari smentisce questa ipotesi.

    Binotto ha confermato in diverse occasioni di aver interrotto prematuramente il loro sviluppo sulla vettura di quest’anno, spiegando perché la Mercedes li ha superati nell’ultima parte dell’anno. Lo sviluppo della vettura è stato un punto debole per il team, anche nei primi anni 2010 con Fernando Alonso o nel 2017/18 con Vettel. Migliorare questo mentre si fanno progressi con l’affidabilità dell’unità di potenza è un compito chiave per il nuovo TP.

    La politica interna della Ferrari

    Il ruolo di caposquadra in Ferrari è spesso visto come un calice avvelenato. Dal 2013, la Ferrari ha avuto quattro uomini diversi a capo del proprio team di F1. Che si tratti di una mancanza di risultati o di un litigio con la dirigenza della Ferrari, il ruolo è impegnativo.

    Secondo un rapporto di RacingNews365 , il CEO Benedetto Vigna si è “immischiato” nelle strategie del team, mentre il presidente John Elkann non ha posto fine alle speculazioni sul futuro di Binotto fino a quando non gli è stato chiesto di farlo dall’italiano. Affrontare il senior management della Ferrari è un altro compito difficile per il successore di Binotto.