Ferrari conferma le dimissioni di Binotto

La Ferrari ha annunciato che Mattia Binotto si è dimesso dalla carica di team principal di F1 .

Binotto lascerà l’incarico il 31 dicembre, e sarà sostituito nel nuovo anno, dopo una stagione 2022 in cui la casa italiana non è riuscita a porre fine alla lunga attesa per il successo iridato di F1. 

“Con il rammarico che questo comporta, ho deciso di concludere la mia collaborazione con la Ferrari – ha detto Binotto – Lascio un’azienda che amo, di cui faccio parte da 28 anni, con la serenità che nasce dalla convinzione che ho fatto ogni sforzo per raggiungere gli obiettivi prefissati.

“Lascio una squadra unita e in crescita. Una squadra forte, pronta, ne sono certo, a raggiungere gli obiettivi più alti, a cui auguro il meglio per il futuro. Penso sia giusto fare questo passo in questo momento perché Per quanto dura sia stata per me questa decisione, vorrei ringraziare tutte le persone della Gestione Sportiva che hanno condiviso con me questo percorso, fatto di difficoltà ma anche di grandi soddisfazioni”.

Benedetto Vigna ha commentato: “Vorrei ringraziare Mattia per i suoi tanti grandi contributi in 28 anni con la Ferrari e in particolare per aver riportato la squadra a una posizione di competitività durante lo scorso anno. Di conseguenza, siamo in una posizione forte per rinnovare la nostra sfida, soprattutto per i nostri fantastici fan in tutto il mondo, per vincere il premio finale nel motorsport. Tutti qui alla Scuderia e nella più ampia comunità Ferrari augurano ogni bene a Mattia per il futuro”.

La Ferrari ha iniziato brillantemente la stagione e ha guidato entrambi i campionati dopo aver ottenuto due vittorie nelle prime tre gare, ma alla fine è arrivata seconda nella classifica costruttori dietro alla Red Bull. 

Nel frattempo, Max Verstappen ha conquistato un secondo campionato del mondo davanti a Charles Leclerc , che si è assicurato il secondo posto nell’ultima gara di Binotto in carica al Gran Premio di Abu Dhabi di fine stagione. 

La posizione di Mattia Binotto è stata oggetto di intense speculazioni dopo che la sconfitta della Ferrari contro la Red Bull è stata accelerata da un catalogo di scelte strategiche scadenti, problemi di affidabilità ed errori del pilota. 

Nella preparazione del finale di Abu Dhabi, la Ferrari si è mossa per negare con enfasi le voci secondo cui Binotto sarebbe stato eliminato durante l’inverno, con lo stesso Binotto che ha insistito con i giornalisti dicendo di sentirsi “rilassato” sul suo futuro.

Ma nuove notizie sull’imminente uscita di Binotto dalla Ferrari sono emerse venerdì sui media italiani prima dell’annuncio formale. 

I rapporti affermavano una rottura della fiducia tra Binotto e il presidente della Ferrari John Elkann, nonché il desiderio di un cambio di leadership spinto dal campo di Leclerc. 

Il team principal dell’Alfa Romeo, Frederic Vasseur, l’ex capo di Leclerc, è stato indicato come il favorito per sostituire Binotto alla guida della Ferrari per F1 2023.