Aston Martin fissa un obiettivo per la stagione 2023 di F1

Dopo essere arrivata settimo nel Campionato Costruttori di Formula 1, il capo del team Mike Krack afferma che il team vuole fare un passo significativo per il 2023. D’altronde la Aston Martin non aveva fatto mistero di voler lottare per i Campionati di Formula 1.

Un obiettivo ambizioso che richiede investimenti consistenti, cosa che il team inglese, per mano del suo titolare Stroll, ha compiuto, realizzando nuove strutture tra cui una fabbrica e una nuova galleria del vento e ingaggiando il due volte campione del mondo Alonso.

Il team ha effettuato investimenti sostanziali in nuove strutture, tra cui una nuova fabbrica e una galleria del vento, e il team ha assunto i servizi del due volte campione del mondo Fernando Alonso.

Ci vorrà del tempo prima che il team sia in grado di competere con Red Bull , Ferrari e Mercedes , mentre lottano a centrocampo e cercano di finire più in alto in classifica. Ma per ora si stanno ponendo obiettivi immediati secondo il Team Principal Mike Krack, che ha parlato in esclusiva con RacingNews365.com di questi obiettivi.

“Abbiamo chiuso al settimo posto la scorsa stagione. Dovrebbe andare meglio l’anno prossimo, dobbiamo fare un passo avanti”, ha detto Krack. “Penso che sarebbe scortese dire che vogliamo partecipare in prima linea il prossimo anno, è troppo ambizioso e irrealistico. Ma vogliamo fare quel passo significativo. Penso anche che con i passi che abbiamo già fatto finora e con l’assunzione di Fernando Alonso, possiamo farcela”.

Ma cosa vedrebbe come un “passo significativo” dopo aver terminato in settima posiziome nel campionato negli ultimi due anni?

Krack ha spiegato: “Quest’anno abbiamo assistito a una battaglia per il quarto posto nel Campionato del Mondo tra Alpine e McLaren. Se potessimo essere coinvolti in quella battaglia, sarebbe un bel passo avanti”.

La dinamica padre/figlio cambia le cose all’Aston Martin?

Alonso farà coppia con Lance Stroll, che è ovviamente il figlio del proprietario del team Lawrence Stroll.

È insolito avere stretti rapporti familiari tra piloti e proprietari di team, un dinamico Krack afferma che non comporta ulteriori sfide.

“Questa sfida non è più grande che con qualsiasi altro pilota. Lance assiste i suoi ingegneri e viceversa, quindi valutiamo tutti i dati. Non è diverso dagli altri piloti.”

Ma per quanto riguarda gli ordini di squadra? Questa relazione significa che vengono distribuiti in modo diverso?

“Anche questo non è diverso dalle altre squadre”, risponde Krack. “A volte i piloti hanno strategie diverse e l’altro pilota può fare la differenza nel campionato. Tuttavia, è sempre importante discutere queste cose in anticipo”.