La Ferrari esclusa dal meeting per i regolamenti sui motori del 2026

La Ferrari è stata esclusa da una recente riunione che ha coinvolto i fornitori di propulsori di Formula 1 in quanto non avevano annunciato formalmente la loro intenzione di far parte del nuovo ciclo di regole del 2026. La scadenza del 15 ottobre per la registrazione dei fornitori di unità di potenza per il 2026 è stata prorogata alla fine di novembre.

Entro la nuova scadenza, solo Audi Formula Racing aveva aderito con Alpine SAS, Honda Racing Corporation, Mercedes AMG High Performance Powertrains (HPP) e Red Bull Powertrains (RBPT) che hanno presentato le loro iscrizioni entro la seconda scadenza.

Pertanto, l’eccezione è stata solamente per la Ferrari SPA, che aveva dei dubbi su come RBPT sarebbe stata trattata come nuovo fornitore, avendo avuto accesso alla proprietà intellettuale di Honda.

Questi diritti di proprietà intellettuale sono stati restituiti inutilizzati a Honda da RBPT, dopo che è diventato chiaro che le società sarebbero andate per la propria strada dopo il 2025, con il presidente di Honda Racing Koji Watanabe che ha recentemente dichiarato che l’impegno di HRC era quello di garantire che avesse un posto al tavolo per discutere le nuove regole .

Ai fornitori di unità di potenza in arrivo vengono concesse varie concessioni per test e dinamometri, con la Ferrari che si è opposta alla concessione di queste deroghe alla Red Bull.

Un portavoce della Ferrari ha affermato che il team non aveva nessuna risposta, ma si ritiene che alla Ferrari sia stato negato l’accesso alla riunione di giovedì 15 dicembre 2022 previa registrazione formale.