Spaccatura tra F1 e FIA: i team vogliono una quota di iscrizione più alta per Andretti

I team di F1 vogliono che la quota di iscrizione per entrare in F1 venga aumentata sollevando del malumore dopo le intenzioni di Andretti e Cadillac di entrare in F1 pagando 200 milioni di dollari.

Il desiderio di lunga data di Andretti di entrare in F1 è stato rafforzato dall’annuncio della scorsa settimana che la squadra americana stava unendo le forze con General Motors attraverso il loro marchio di lusso Cadillac anche se il loro ingresso è improbabile almeno fino al 2026.

La notizia è arrivata dopo che il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem ha rivelato che stava pianificando di avviare un processo formale per le manifestazioni di interesse per potenziali nuovi team in F1. 

Mentre la FIA ha accolto con favore gli sviluppi, il piano di Andretti viene accolto con una tiepida risposta dalla F1, accennando a una lite dietro le quinte tra l’organo di governo e i detentori dei diritti commerciali della F1, Liberty Media, e le squadre. 

Un portavoce della F1 ha ricordato che qualsiasi richiesta di un nuovo concorrente richiede l’accordo sia della F1 che della FIA. 

Resta inteso che un grosso ostacolo circonda un disaccordo sull’attuale quota di iscrizione di $ 200 milioni da dividere tra i team esistenti, che ha lo scopo di compensare qualsiasi perdita di premi in denaro per i concorrenti attuali. 

Reuters riferisce che una fonte interna dei team ha rivelato che una “forte maggioranza” delle squadre era contraria all’ingresso di una nuova squadra e di conseguenza alla riduzione della quota dei ricavi. 

La figura anonima ha descritto il coinvolgimento di Andretti con General Motors come più un esercizio che un impegno completo del produttore. 

Il boss della Mercedes Toto Wolff e il team principal della Haas Guenther Steiner sono stati l’opposizione più esplicita verso un potenziale ingresso di Andretti e hanno evidenziato le loro preoccupazioni durante lo scorso anno. 

Una fonte del team ha suggerito che $ 500 milioni sarebbero una quota di iscrizione più appropriata. 

Finora, solo Alpine e McLaren hanno espresso sostegno pubblico all’offerta di Andretti in F1.  Con la spaccatura tra la F1 e la FIA, domenica sera Ben Sulayem si è rivolto ai social media per colpire la “reazione avversa” al piano di Andretti. 

“È sorprendente che ci siano state reazioni avverse alle notizie di Cadillac e Andretti”, ha scritto su Twitter.

“Negli ultimi anni la FIA ha accettato le iscrizioni di organizzazioni più piccole e di successo. Dovremmo incoraggiare potenziali iscrizioni in F1 da parte di produttori globali come GM e piloti purosangue come Andretti e altri. L’interesse dei team nei mercati in crescita aggiunge diversità e amplia il fascino della F1”.