Jorge Martin ha puntato il dito contro una gomma difettosa dopo il decimo posto racimolato con fatica nella gara in Qatar.

Dopo aver ridotto il vantaggio di Francesco Bagnaia a soli sette punti con la vittoria nella Sprint del sabato, il pilota Pramac ora si trova a 21 lunghezze dal rivale ducatista con ancora 37 punti in palio. Certo, tutto può succedere ma ora le speranze iridate per Jorge si sono complicate.

“Di sicuro non mi sentivo a mio agio. Avete visto già all’inizio che ho avuto un problema alla partenza e potete capire cosa è successo; la gomma posteriore non funzionava bene”, ha detto Martin a MotoGP.com.

“Sono davvero deluso dal fatto che il campionato sia stato deciso da una gomma difettosa. Ma a me è successo questo. È un peccato. Ho faticato molto. Non avevo grip posteriore. Non riuscivo a fermare la moto. Non riuscivo a fare le curve. Non riuscivo ad aprire l’acceleratore. Era come guidare sul bagnato.”

Martin ha aggiunto: “A Valencia può succedere di tutto. Pecco può sbagliare. Sicuramente il titolo non è ancora deciso, ma non è la stessa cosa arrivare a Valencia con pochi punti di distacco che in queste condizioni solo a causa di una gomma difettosa.”

“Mi sento un po’ frustrato, ma sento che non ci hanno battuto in pista. Quindi sono abbastanza rilassato e sento che meritiamo questo campionato”.

La Michelin non ha ancora risposto alle affermazioni di Martin. Il #89 ha scelto gomme dure, anteriori e posteriori, per entrambe le gare del Qatar.