Frederik Vesti ha mantenuto vive le sue speranze di conquistare il titolo di Formula 2 nel 2023, vincendo brillantemente la Sprint Race a Yas Marina con il team PREMA Racing.

Dopo essere scivolato in quarta posizione, si è battuto per risalire la classifica e ha sottratto il primo posto a Enzo Fittipaldi della Rodin Carlin a due giri dal termine, assicurandosi la sesta vittoria della stagione e ottenendo il punto per il giro più veloce. Richard Verschoor ha superato Isack Hadjar per completare il podio con il team Van Amersfoort Racing.

La sfida per il titolo si deciderà nell’ultima corsa, poiché Théo Pourchaire ha sfruttato un caotico primo giro per conquistare punti cruciali arrivando al settimo posto.

Partendo meglio dalla linea di partenza, Vesti è riuscito a prendere l’interno alla curva 1 ed è rimasto fianco a fianco con Fittipaldi, anche se alla curva 3 è stato il pilota della Rodin Carlin a uscirne davanti. Alla curva 5, Fittipaldi ha frenato troppo tardi, permettendo al danese di tentare un sorpasso all’ultimo istante per la leadership.

Sfruttando il loro duello, Hadjar e Verschoor hanno reso la lotta a quattro in rettilineo. Entrambi sono riusciti ad attraversare Vesti da entrambi i lati e a retrocedere il contendente per il titolo in quarta posizione. Al contrario, il leader del campionato Pourchaire si trovava già vicino alla zona punti, essendo salito dal 14º al 9º posto.

La Safety Car è stata inviata in pista alla fine del primo giro dopo che Juan Manuel Correa ha fatto testo alla curva 3. Victor Martins si è trovato coinvolto nell’incidente, danneggiando il muso della sua vettura e costringendolo a fermarsi ai box per le riparazioni.

Tornati alle condizioni di gara al sesto giro, Fittipaldi ha fatto un ottimo restart, guadagnando immediatamente mezzo secondo di vantaggio su Hadjar. Vesti non ha perso tempo a recuperare terreno, facendo strada accanto a Verschoor fino alla curva 6 per conquistare la terza posizione.

Alle porte dei punti, Jack Doohan ha gradualmente scalato dal decimo posto, superando Ayumu Iwasa dopo che il pilota della DAMS è andato largo alla curva 9. Nel frattempo, Pourchaire stava cercando di fare una rimonta tutta sua, frenando tardi per conquistare l’ottavo posto a Kush Maini e superando Iwasa per salire in settima posizione.

Avvertito di cercare il giro più veloce, Vesti ha iniziato a inseguire Hadjar ed era alle sue spalle quando sono arrivati al decimo giro. Hadjar ha cercato di difendersi in anticipo, ma non è riuscito a fermare l’attacco del pilota della Mercedes junior, che ha superato la curva 9 per conquistare la terza posizione.

Ora con Fittipaldi, il leader della gara, nel suo mirino, il pilota di PREMA ha iniziato velocemente a ridurre il gap di 2.3 secondi. Segnando due giri consecutivi più veloci ai giri 12 e 13, Vesti ha continuato a trovare più velocità con le gomme medie, migliorando quasi di due decimi ogni volta.

Al 13º giro, la difesa di Hadjar per la terza posizione lo ha portato troppo dentro alla curva 5, compromettendo la sua uscita. Questa ha offerto a Verschoor un’opportunità, permettendogli di uscire meglio dalla curva e di salire in terza posizione quando sono arrivati alla curva 9.

Quattro giri dopo, Vesti si avvicinava minacciosamente ai retrovisori di Fittipaldi e stava cercando di superarlo per la leadership. Un bloccaggio delle ruote da parte della Rodin Carlin n. 4 ha dato a Vesti un’opportunità, ma anche lui ha bloccato le ruote nella curva 5. Fittipaldi ha cercato di rompere l’aspirazione, ma un altro errore nella stessa curva, tre giri dopo, è stato il momento per Vesti.

Approfittando di una migliore aderenza, Vesti è entrato in curva 6 all’interno del brasiliano per rubargli la leadership. Immediatamente distanziandosi di Fittipaldi, Vesti si è allontanato dalla finestra del DRS e ha tagliato il traguardo con un vantaggio di 3,8 secondi sul pilota di Red Bull.

Richard Verschoor ha concluso terzo, mentre la difesa coraggiosa di Hadjar per la quarta posizione si è conclusa all’ultimo giro. Mettendo costantemente pressione al pilota francese, Dennis Hauger del team MP Motorsport è riuscito a superarlo e a guadagnarsi i cinque punti in palio.

Doohan si è classificato sesto davanti a Pourchaire e Iwasa ha chiuso al 3º posto a punti in ottava posizione.