La European Le Mans Series ha presentato un elenco di 43 equipaggi per la stagione 2024, con una categoria LMP2 che vede molti iscritti e 11 auto per la prima stagione di LMGT3.

La lista di 43 vetture è una in più rispetto alla scorsa stagione, quando 42 prototipi e vetture GTE hanno gareggiato per l’intero campionato.

In particolare, la categoria principale LMP2 ha visto una crescita imponente, raddoppiando le sue vetture da sette a 14 rispetto all’anno precedente.

I campioni in carica dell’Algarve Pro Racing tornano per difendere il loro titolo con la Gibson Oreca 07 n. 25 guidata da Alex Lynn insieme a Matthias Kaiser e Olli Caldwell.

A loro si uniscono le squadre di United Autosports, IDEC Sport, Duqueine Team, Cool Racing, Panis Racing e Inter Europol Competition.

La United ha arruolato Filipe Albuquerque per guidare la sua vettura numero 23 mentre Ben Hanley guida l’auto gemella. Nel frattempo Cool e Inter Europol espandono la loro presenza nella classe a due vetture.

La squadra battente bandiera polacca è una delle poche squadre della categoria a confermare le formazioni complete in questa fase. Jakub Smiechowski condividerà la vettura n. 34 con Clement Novalak e Jonathan Aberdein, mentre Sebastian Alvarez, Vlad Lomko e Tom Dillmann si uniranno a bordo della macchina n.

Il campione in carica LMP3 Alejandro Garcia è stato confermato lunedì mattina come primo pilota a bordo dell’auto numero 47 di Cool Racing, mentre Duqueine ha ingaggiato tra i suoi ranghi Carl Wattana Bennett e il campione LMP2 2023 e vincitore della classe Rolex 24 James Allen.

La massima categoria si arricchisce ulteriormente di quattro nuovi arrivi: Vector Sport, AO by TF, Nielsen Racing e Iron Lynx-Proton.

Robert Kubica guida la formazione per la vettura numero 14 della TF Sport, mentre Ryan Cullen e Gabriel Aubry rimangono con Vector mentre lascia il FIA World Endurance Championship.

I clienti abituali del campionato Nielsen, nel frattempo, raddoppiano la loro presenza nel campionato aggiungendo un’auto Pro per Nico Pino e Will Stevens insieme alla loro continua partecipazione alla LMP2 Pro-Am.

La classe LMP2 Pro-Am, che è diventata una categoria separata e ha visto una crescita significativa nel 2023, si è ridotta da 11 a otto iscritti.

DKR Engineering, Team Virage, Algarve Pro, United, Nielsen, Proton e AF Corse rimangono tutti in griglia, mentre TDS Racing ritorna nella serie dopo un anno di assenza.

L’auto numero 29, iscritta sotto lo stendardo Richard Mille by TDS, sarà pilotata da Rodrigo Sales, Mathias Beche e dal pilota LMGT3 della United Autosports Gregoire Saucy.

Altre due formazioni sono state completamente confermate: i campioni in carica della classe AF Corse tornano con Francois Perrodo, Matthieu Vaxiviere e Alessio Rovera mentre Oliver Jarvis pilota la macchina numero 21 della United Autosports insieme a Daniel Schneider e Andy Meyrick.

La classe LMP3 è in calo di due vetture rispetto allo scorso anno, con l’unica Ligier JS P320 Nissan di Nielsen nella lista di riserva e Eurointernational ridotta a una sola vettura.

Il gruppo di dieci vetture comprende due Duqueine D08 Nissan, mentre le restanti otto squadre schierano tutte macchine Ligier.

Altri due prototipi sono stati elencati come riserva: una Ligier della Graff Racing e una LMP2 Pro-Am n. 81 della DragonSpeed ​​per Henrik Hedman.

Lamborghini ritorna in serie con 11 vetture LMGT3

L’introduzione della classe LMGT3 vede la Lamborghini fare il suo ritorno nell’ELMS per la prima volta dal 2015, affiancata dagli affermati produttori di serie Aston Martin, Ferrari e Porsche.

Iron Lynx schiererà una singola Lamborghini Huracan GT3 EVO2 per il pilota giapponese Bronzo Hiroshi Hamaguchi.

È la prima volta dal 2015, l’ultimo anno in cui la classe GTC ha corso nella serie prima che le vetture GT3 passassero alla Michelin Le Mans Cup, che una Lamborghini gareggerà nell’ELMS.

La sua unica rappresentanza per quella stagione era una Lamborghini Gallardo LP560 GT3 iscritta dalla Gulf Racing UK per il round di apertura a Silverstone, guidata da Roald Goethe, Daniel Brown e Archie Hamilton.

In particolare, mentre Hamaguchi sarà alla guida della Iron Lynx, il pilota di lunga data del team Claudio Schiavoni è a bordo della Porsche 911 GT3 R n. 60 della Proton Competition, mentre le Iron Dames schierano anche macchine Porsche.

Tutte le auto della nuova classe per il 2024 hanno ricevuto la specifica del tipo “LMGT3”, con la Ford assente anche se la squadra guidata da Christian Ried schiererà un paio di Mustang GT3 nel WEC.

La Ferrari è il produttore più popolare della categoria, con un totale di sei vetture di AF Corse, Formula Racing, Spirit of Race, Kessel Racing, JMW Motorsport e GR Racing.

Quest’ultimo iscrive una singola 296 GT3 per Mike Wainwright, mantenendo così la sua presenza nelle gare secondo le regole ACO dopo che un lungo mandato nel WEC si è concluso a seguito dell’eliminazione della classe GTE-Am.

Jeff Segal è il primo pilota confermato a bordo della Ferrari JMW n. 66, mentre Emmanuel Collard è pronto per la sua 13esima stagione nella serie. Il veterano francese correrà al fianco di Charles-Henri Samani presso AF Corse.

La nuova sfidante GT3 dell’Aston Martin per il 2024 sarà iscritta da due team, incluso il nuovo arrivato Racing Spirit of Leman. Il team svizzero aggiunge una singola voce LMGT3 insieme al già esistente impegno LMP3 per il pilota statunitense Derek DeBoer e Valentin Hasse-Clot.

Inoltre, TF Sport continua il suo rapporto di lunga data con il marchio Gaydon schierando un’unica vettura per Martin Barry e Lorcan Hanafin.

Non ci sono voci LMGT3 nell’elenco di riserva.