La KTM è stata elogiata per la mancanza di punti deboli della sua moto, come dimostrato nel GP del Portogallo di MotoGP.

Il costruttore austriaco, che ha iniziato il 2024 con l’obiettivo di essere il più grande concorrente di Ducati, ha sottolineato di essere la minaccia più vicina alla casa di Borgo Panigale dopo la prestazione a Portimao dove il debuttante Pedro Acosta di Tech3 GASGAS è salito sul podio davanti al duo ufficiale Brad Binder e Jack Miller.

Nonostante la Ducati GP24 rimanga la moto migliore della MotoGP (Jorge Martin di Pramac ha vinto a Portimao davanti al pilota ufficiale Ducati Enea Bastianini), KTM sta facendo sentire la sua presenza.

“Continuo a pensare che KTM sia, nel complesso, in una buona posizione”, ha riferito il telecronista Simon Crafar dal paddock.

“Ci saranno alcune piste, come il Qatar, dove soffriranno. Forse la Thailandia, con il grip posteriore. Ma hanno fatto un grande passo avanti in molte aree. Forse, quando arriveremo in Thailandia, avranno risolto questa piccola debolezza. Non sembravano affatto avere molti punti deboli. So che KTM ha alcuni punti di forza con la sua moto per combattere gli avversari”.

Acosta l’asso nella manica di KTM

Il giovane rookie Acosta ha rubato la scena in questa stagione, diventando il terzo rookie più giovane a salire sul podio della classe regina a Portimao, dopo una gara in cui ha superato i due piloti ufficiali KTM più Marc Marquez e Francesco Bagnaia.

Acosta potrebbe rivelarsi l’asso nella manica di KTM: hanno riorganizzato la loro line-up di piloti per accontentarlo quando ha chiesto il salto di qualità dalla Moto2, che ha dominato l’anno scorso, alle spese di Pol Espargaro che è stato appiedato e relegato come tester.

Acosta sta già facendo pressione per una moto ufficiale KTM nel 2025, anno in cui ci saranno grandi cambiamenti a livello di mercato piloti. Ma Binder è secondo nella classifica della MotoGP dopo due gare, dietro a Martin di Pramac.

E Miller – il cui futuro è stato oggetto di un intenso esame, in particolare dopo un disperato 21° posto nella gara di apertura della stagione in Qatar – ha ripristinato la fiducia nelle proprie capacità dopo una bella performance a Portimao.