JEEP AVENGER ha conquistato fette di mercato importanti grazie al design azzeccato, ed all’immagine premium del marchio americano. Ma doveva essere aggiornata la gamma di motori, nata prima come vettura elettrica poi dotata del solito 1.2 turbo a benzina, oggi questo propulsore aggiornato nella distribuzione a catena al posto della cinghia a bagno d’olio, viene offerto con tecnologia mild hybrid a 48v con schema P3 da 136cv e per finire la 4xe che grazie alla presenza di un motore elettrico sull’asse posteriore riesce a garantire la tradizionale trazione integrale come deve essere per una Jeep anche piccola.

L ‘abitacolo è piuttosto spazioso in relazione alle dimensioni dell’auto con un bagagliaio capiente il giusto ed una serie si soluzioni interne intelligenti per sfruttare al meglio gli spazi. Restano confermate alcune lacune come la scelta di non avere un climatizzatore bi-zona e l’assenza, indispensabile almeno sulla nuova 4xe di una maniglia di sostegno classica come tutte le Jeep.

Sistema mild hybrid con capacità di viaggiare in EV

La base di partenza è il tre cilindri efficiente ed oggi anche affidabile in particolare con la mild hybrid abbinato al cambio robotizzato che garantisce consumi e prestazioni da non far rimpiangere l’assenza di un piccolo turbo diesel. La Avenger dispone di tanta la tecnologia come i fari a matrice di led e la guida semiautonoma di Livello 2.

 La gestione della trazione integrale avviene attraverso un sistema di selezione delle modalità di guida per ottimizzare la spinta del motore sull’asse posteriore sia in automatico e che comando da parte del conducente. La vocazione off road viene confermata dalla maggiore altezza da terra e dai maggiori angoli di attacco.  La presenza del doppio motore comporta anche un retrotreno con un diverso schema meccanico a vantaggio della dinamica di guida oltre che della sicurezza rispetto alla versione 2wd, il che da solo ne giustifica l’investimento con un costo maggiore.

Avenger 4xe la giusta dimensione di una Jeep

Due le versioni consigliare: La 1.2 mild hybrid 2wd con 136 cv per chi vuole andare sul risparmio, mentre la stessa motorizzazione con 4xe per chi vuole una Jeep anche per un segmento B-SUV. In più entrambe le versioni conservano il cambio automatico di serie. Grazie ai nuovi incentivi torna ad essere appetibile anche la Avenger elettrica.

Per quanto riguarda la concorrenza che troverà sul mercato la Jeep Avenger 4xe ci sono almeno due alternative. La prima è la Toyota Yaris Cross i-AWD con sistema di propulsione full hybrid e motore elettrico per l’asse posteriore. La differenza sostanziale è sita nella maggiore efficienza del sistema ibrido essendo un full hybrid reale, ma di contro, ha un motore elettrico posteriore più piccolo che consente di superare condizioni di off road molto leggero rispetto alla Jeep.

Suzuki Vitara mild hybrid, la rivale con AWD meccanica

L’altra alternativa è rappresentata dalla Suzuki Vitara 1.4 BoosterJet AWD con tecnologia mild hybrid 48v canonica. Il quattro cilindri giapponese è un più lineare ed efficace in termini di piacere di guida rispetto al tre cilindri di Stellantis. Inoltre, la trazione integrale è garantita da un classico schema meccanico con differenziale centrale e posteriore con unità di controllo PTU per la gestione della trazione sui singoli assali. Un sistema che garantisce una trazione più omogena adattandosi agli automobilisti più conservatori. In questo caso c’è da mettere in conto un maggiore peso della vettura ed un peggior consumo rispetto alle due rivali.