12 anni dopo l’ultima volta che BMW ha guidato la classifica del WorldSBK con Marco Melandri, Toprak Razgatlioglu è salito a 21 punti di vantaggio dopo aver conquistato una tripletta alla Ducati campione in carica nel round di casa di Misano.

Arrivato a tre punti da Alvaro Bautista dopo aver ringiovanito il progetto S1000RR con tre vittorie in questa stagione, Razgatlioglu ha raggiunto nuove vette con una perfetta conquista del gradino più alto in Italia.

Su una pista dove Bautista ha conquistato tutte e tre le vittorie l’anno scorso, e BMW ha ottenuto come miglior risultato solo l’ottavo posto, Razgatlioglu ha comodamente avuto la meglio sul compagno di squadra rookie di Bautista, Nicolò Bulega, in tutte e tre le manche.

Bulega è ora il rivale più vicino di Razgatlioglu per il titolo, con Bautista a 24 punti di distacco.

Il fuoriclasse turco ha anche ricordato che il suo vantaggio sarebbe stato ancora maggiore senza un ritiro tecnico nel round di apertura mentre Bulega e Bautista hanno terminato tutte le gare finora.

“A Phillip Island abbiamo avuto un problema meccanico, e senza questo avremmo avuto un distacco maggiore”, ha detto Razgatlioglu. “Questo è buono. Stiamo imparando e migliorando.

“Ero preoccupato al mio primo test perché era in condizioni di bagnato, non riuscivo a capire se fossi veloce o meno. Al test successivo, con tutti gli altri, ho capito che ero veloce e che la moto aveva del potenziale, lo sto dimostrando a tutti.

“Tutti iniziano a credere in me e in BMW. Andiamo passo dopo passo in questa stagione. Spero che finiremo da Campioni del Mondo, ma le gare sono tante ed è meglio non parlare così!”

Mancano ancora otto round alla fine di questa stagione, ma lo slancio è saldamente alle spalle di Razgatlioglu, che continua a migliorare il suo feeling con la BMW.

“Sono molto contento perché quando sono arrivato a Misano avevo un solo obiettivo: tre vittorie con la BMW. Ce l’ho fatta!”, ha detto raggiante Razgatlioglu domenica. “Oggi abbiamo fatto un ottimo lavoro.”

“Dopo Gara 1 abbiamo cambiato qualcosa sulla moto. Mi sentivo molto meglio, soprattutto con il grip della gomma anteriore. Dopo cinque o otto giri, tutti hanno iniziato a calare. Sto solo guidando con calma e cercando di non commettere errori. Stiamo anche capendo in condizioni di caldo quale gomma è migliore per noi”.

Il prossimo appuntamento sarà a Donington Park a luglio, uno dei preferiti di Razgatlioglu che nel 2022 ha conquistato il suo primo weekend nel WorldSBK con Yamaha nel circuito britannico.

BMW non ha mai vinto il titolo del WorldSBK, la sfida per il titolo 2012 di Melandri è crollata con un solo piazzamento nelle ultime sei gare, facendolo scivolare al terzo posto assoluto.

Foto: Mazzocco Alessio