Nel passato automobilistico, le corse erano la vera essenza del motorsport: non c’era politica, non c’era business ma solamente la voglia di lottare in pista. Senza enormi budget, computer e tecnologia spaziale, i piloti si affidavano esclusivamente all’auto, alla loro abilità, al loro meccanico (se ne avevano uno) e all’affetto della dea Fortuna, il cui sorriso significava vittoria o sconfitta, vita o morte.

In tali condizioni, le vetture che hanno avuto maggior successo hanno ricevuto uno status leggendario, per le loro indubbie qualità e un’aura vincente che le differenziava dalla concorrenza. Una delle auto che si è guadagnata un posto tra le stelle nel fango, nella polvere e negli sterrati delle piste da rally di tutto il mondo è la Renault Alpine A110. Dato che la storia di questa piccola ma leggendaria fabbrica è completamente sconosciuta, c’è da dire qualcosa di più sugli inizi di questa casa autmobilistica.

Alpine è stata fondata da Jean Redele, proprietario di diversi garage parigini, che ha gareggiato a livello amatoriale nei primi 4 anni. Utilizzando la Renault XNUMXCV Dauphine, che ha completamente rielaborato nel suo garage, ha vinto diverse competizioni importanti tra cui la Mille Miglia e questi successi hanno attirato molta attenzione nei suoi confronti.

Incoraggiato dal successo in pista e dalle richieste dei clienti di versioni riviste, Redele ha fondato, nel 1954, la Societe Anonyme des Automobiles Alpine, in onore della sua vittoria alla Coupe des Alpes. Redele inizia lo sviluppo delle proprie creazioni basate su Renault 4CV: la prima A106 è stata realizzata in collaborazione con i fratelli Chappe, pionieri della costruzione di carrozzerie in vetroresina. Il modello successivo A108 del 1958 aveva già una forma distintiva le cui linee erano opera del famoso designer italiano Michelotti.

Quando la Renault introdusse la R8, una berlina compatta, nel 1962, Redele rilevò la piattaforma del modello e, con piccole modifiche alla carrozzeria e alla meccanica, creò un nuovo modello. La nuova vettura è stata denominata Alpine A110 Berlinette Tour de France, in seguito al trionfo dell’omonima corsa.

Sebbene sotto la carrozzeria in plastica leggera, fosse fondamentalmente la R8, l’Alpine era dotata di parti importanti come freni a disco, rinforzi della carrozzeria, ammortizzatori a gas e ruote in metallo leggero. L’unità era un motore di serie della Renault, con 956 cc e 51 CV. Inizialmente furono proposti diversi rapporti di trasmissione che, dato il peso contenuto del veicolo (circa 730 kg), si tradussero in buone prestazioni. Subito dopo la sua introduzione, all’inizio del 1963, iniziò un lavoro di miglioramento costante.

L’auto ha partecipato e vinto diverse gare e così lo sviluppo è progredito e già l’anno successivo inizia la produzione di modelli con telaio tubolare e carrozzeria leggermente più bassa (112 cm).

Lo sviluppo continuò fino al 1968 quando fu equipaggiata con un motore da 1440 cm3 e 124 cavalli della Renault R8 Gordini, che trasformarono la Alpine in una macchina dannatamente veloce. Sempre nel 1968 la Alpine ricevette pieno sostegno, soprattutto economico, da parte della Renault e grazie a questo aiuto la Alpine terrorizzò la concorrenza in tutti i tracciati mondiali.

Questi modelli erano leggermente più leggeri (circa 710 kg) grazie alle modifiche alla carrozzeria. Ma c’era ancora spazio per qualche miglioria, così nel 1971 fu introdotto il modello con un motore di 1.796 cc e 170-180 CV di potenza. Questa unità era un derivato di un motore di serie della Renault R16, ulteriormente perfezionato nelle officine Alpine.

Durante questo periodo, la A 110 entra nell’apice della sua carriera agonistica quando in pista compaiono le varianti più estreme e veloci di questo modello. Le versioni che hanno avuto il maggior successo in quegli anni e che hanno permesso alla casa francese una tripletta nel 1973 al Rally di Monte Carlo, avevano una carrozzeria di un solo strato di vetroresina e un peso di appena 14 kg, mentre la l’intera macchina pesava appena 620 kg! In pratica capitava spesso che, a causa della temperatura del motore, i pannelli si deformassero e si sciogliessero, e molte vetture finissero la gara senza parti di carrozzeria. Inoltre il motore è stato ulteriormente modificato, il che ha migliorato notevolmente le prestazioni.

Ma dopo 1973, l’Alpine dovette fare i conti con la crisi energetica che ha segnato il mercato dell’auto, segnando il decadimento del modello nonostante la fama e il successo. I problemi finanziari e l’acquisizione da parte della Renault, così come la concorrenza in atto, hanno fatto si che l’A110 iniziasse un lento ritiro dal mondo delle corse.

La produzione continuerà fino al 1977, ma i successi nelle corse saranno meno frequenti. Sebbene meglio conosciuto per il suo successo nelle competizioni di rally, questo modello era pericoloso anche per strada nelle mani di molti appassionati. Il numero relativamente grande, ma esattamente sconosciuto di copie prodotte (circa 7.000 pezzi) è stato realizzato principalmente nella sua fabbrica madre nella periferia di Parigi, così come in officine di assemblaggio di auto in Spagna, Messico, Brasile (Renault Interlagos) e, cosa più interessante , in Bulgaria.

Oggi, tutte le auto Alpine sono molto apprezzate e spesso viste nelle gare storiche, dove sono ancora dominanti. In ogni caso la Alpine è un’auto che ha praticamente riscritto le pagine dei rally ed è stata a lungo una delle migliori macchine da corsa al mondo. Tuttavia, il valore di questa vettura è di gran lunga superiore al mero valore economico. La Renault Alpine A110 è una delle poche auto (con la Mini Morris e la Ford Escort) che ha creato il rally così come lo conosciamo oggi.

Foto: Mazzocco Alessio – Giornalemotori

Rispondi