Pubblicità

La squadra satellite LCR ha annunciato che rimarrà in MotoGP fino al 2026 dopo aver firmato un nuovo accordo con Dorna Sports e l’International Race Teams Association.

La squadra di Lucio Cecchinello è stata fondata dall’italiano nel 1996 quando ha corso nel campionato del mondo 125cc, con la squadra che si espandeva nella classe 250cc nel 2002. LCR è passato alla MotoGP nel 2006 come un team clienti Honda, schierando in quella stagione il debuttante Casey Stoner.

La squadra sarebbe rimasta con un solo pilota fino al 2015, quando gestiva Cal Crutchlow e Jack Miller, prima di diventare definitivamente una squadra di due moto dal 2018. LCR ha vinto tre gare di classe regina per gentile concessione di Crutchlow, che ha posto fine all’attesa della squadra per la vittoria al Gran Premio della Repubblica Ceca 2016 prima di aumentare il suo bottino in Australia in quella stagione e al TT olandese nel 2018.

Nel 2021, LCR schiererà il campione del mondo Moto2 2019 Alex Marquez e Takaaki Nakagami su RC213V.

Cecchinello ha dichiarato in una nota: “È un grande onore per me annunciare che LCR ha recentemente rinnovato con IRTA e Dorna la sua partecipazione al contratto di classe MotoGP fino al 2026. Sono grato di poter continuare a gareggiare nella classe regina per altri cinque anni e non vedo l’ora di iniziare un nuovo capitolo nella storia di LCR con entrambi i nostri piloti Takaaki Nakagami e Alex Marquez su una moto ufficiale!”

LCR è la seconda squadra satellite a confermare la propria partecipazione in MotoGP oltre il 2021, dopo che Gresini ha annunciato a dicembre che tornerà ad essere una squadra indipendente. Per quanto riguarda i costruttori, sia KTM che Ducati hanno confermato il loro impegno in MotoGP oltre il 2022 mentre si attendono le altre squadre per firmare un nuovo accordo.

Diverse nuove squadre sono state collegate a potenziali slot sulla griglia della MotoGP nel 2022, con la squadra Leopard e la squadra VR46 di Valentino Rossi che hanno espresso interesse.

Quest’ultima sembra una formalità in quanto sostiene la stagione di debutto di Luca Marini nel 2021 con Esponsorama Racing (ex Avintia), con la VR46 che dovrebbe prendere il posto di griglia dell’attuale team cliente Ducati il ​​prossimo anno.

Pubblicità

Rispondi