Il Toyota Rav4 2,5i 306cv Dynamic+ ì-AWD Plug In, è la naturale evoluzione di una delle vetture leader nel segmento delle SUV di stazza medio-grande passando alla tecnologia ibrida Plug-In

Maggiori performance ed efficienza grazie alla nuova batteria agli ioni di litio da 18,5kwH e 75km di autonomia in WLTP. Il peso sale e con esso anche la potenza che viene portata a 306cv per uno scatto da sportiva pura, con consumi più bassi di una diesel di pari potenza.

DESIGN RAFFINATO E SPORTIVO

Il look conferma la linea mascolina differenziandosi per la finitura scura di alcuni dettagli della carrozzeria con una nuova modanatura metallica sulla parte inferiore del paraurti. La vettura in prova aveva nuovi cerchi da 18 pollici a contrasto tra finiture grigie o nere. Nella parte posteriore è presente una finitura metallica e una copertura nera per il sottoscocca.

INTERNI CURATI

Nell’abitacolo ci sono dettagli in rosso a contrasto dal piglio sportivo. Una volta trovata la corretta posizione di guida, sul sedile in pelle, con regolazioni elettriche, ci si trova ad osservare una strumentazione di tipo semi analogico. In mezzo ai due indicatori circolari per la gestione della potenza e tachimetro, c’è un display che alterna le informazioni più importanti per il monitoraggio dell’auto.

Al centro della plancia il sistema multimediale rinnovato con le immancabili ed indispensabili applicazioni di Android Auto e CarPlay. L’esemplare in prova aveva il sistema di navigazione che si alternava con una serie di pagine per il controllo dei flussi energetici ed una telemetria completa per il monitoraggio dei consumi, ideale per lo sfruttamento ottimale del sistema ibrido.

Uno schermo digitale interno al cruscotto principale, avrebbe consentito di gestire la telemetria separatamente dal sistema infotainment fornendo maggiori informazioni direttamente alla vista del conducente. La qualità degli interni è buona. Come tutte le vetture premium di ultima generazione, anche teutoniche, nella zona alta degli arredi, quella a portata di vista e di mano, sono di eccellente qualità. Nella zona inferiore invece, la plastica rigida domina, anche se ben assemblata e ben rifinita. Il livello complessivo comunque non appare così tanto lontano da quanto si vede sulle più lussuose cugine Lexus.

NON PERDE SPAZIO

Nonostante la presenza della batteria di dimensioni generose, lo spazio interno non perde un solo centimetro rimanendo perfetto anche per ospitare comodamente cinque persone. Il bagagliaio perde invece qualche litro dovendo sacrificare il pozzetto nella zona inferiore, ma rimane comunque abbondantemente al di sopra dei 500 litri. Più che sufficiente per le esigenze di una famiglia media anche di cinque persone. Il vano è funzionale con soluzioni intelligenti come la presenza di una presa di corrente classica per alimentare accessori attraverso il bagagliaio per ogni esigenza.

PRESTAZIONI ED EFFICIENZA

Su strada la Rav4 Plug In rappresenta un deciso passo avanti in termini silenziosità. L’assetto piuttosto morbido mostra un carattere da vettura votata al comfort. Il sistema HSD, nella sua ultima evoluzione plug-in, adotta sempre un motore 2.5 litri ma da 182cv a 6000 giri/min per 224Nm di coppia a 3600 giri/min.

Si tratta di un propulsore con funzionamento ciclo Atkinson con rapporto di compressione da 14:1 ed iniezione diretta con variatore di fase VVT-i. Essendo a trazione integrale intelligente i-AWD adotta due motori elettrici sincroni a magneti permanenti tri-fase. La macchina elettrica principale sull’asse anteriore è di 182cv pari a quella a benzina e 270Nm di coppia, mentre il motore posteriore dispone di 54cv e 121Nm. Essendo un sistema ibrido serie/parallelo, quando fornisce la massima potenza questa raggiunge la cifra di 306cv, e si sentono tutti!

avere un sistema ibrido he può contare su una potenza delle due componenti benzina ed elettrica di pari potenza rappresenta sicuramente il migliore compromesso. Tale disposizione oltre consente una versatilità di utilizzo ed un’efficienza unica nel suo genere potendo contare anche in modalità full elettrico di potenza sufficiente a spostare una massa impegnativa come quella della Rav4. In parallelo invece può addirittura garantire una prestazioni sportive.

Nonostante una massa considerevole di 1950kg, il Rav4 Plug-In accelera coprendo lo scatto sullo 0-100km/h in 6 secondi netti. Ovviamente potendo contare sulla coppia elettrica si può riprendere alle basse velocità conservando la stessa progressione dell’accelerazione. Quando i tre propulsori lavorano insieme la spinta è veramente consistente senza perdere forza al salire della velocità.

DIVERSE MODALITA DI GUIDA

Tre le modalità di guida: EV, full elettrico, per un totale effettivo di 70km con velocità massima di 135km/h, poco lontano dal dichiarato. Poi c’è la modalità EV/Hybrid Auto, la più efficiente. Il sistema sfrutta in automatico la potenza elettrica lasciando a quella benzina solo il compito, molto sporadico, di dare potenza aggiuntiva o alimentare la batteria fungendo da generatore come nei sistemi ibridi seriali.

La poca frequenza con cui il motore endotermico si accende consente di allungare non poco l’autonomia in elettrico a fronte di un consumo di 1.5litri/100km. Poi c’è la modalità Hybrid/EV e CHG Hold. Si attiva automaticamente quando la batteria è al minimo lavorando come il classico full hybrid ricaricando piuttosto velocemente. Inoltre, è possibile scegliere si salvare la carica restante o privilegiare la ricarica batteria dando maggiore spazio alla propulsione a benzina. E’ una funzione semi-automatica. infatti, il sistema, appena la batteria raggiunge un livello di carica accettabile, torna a lavorare in combinazione provando a privilegiare l’efficienza.

TRE DINAMICHE DI GUIDA

Sono previste anche tre dinamiche di guida selezionabili attraverso l’apposito selettore circolare. Si può selezionare la modalità Normal, Eco e Sport. La risposta di acceleratore, sterzo e sistema ibrido cambia. La caratteristica unica nel suo genere è che con ogni singola modalità dinamica è abbinabile alle singole modalità di funzionamento della propulsione ibrida. Una flessibilità di utilizzo che rappresenta il vero valore aggiunto della tecnologia Toyota.

TRAZIONE INTEGRALE EFFICIENTE

Dietro il selettore delle modalità di giuda c’è ancora il pulsante “Trail”. In questo caso la trazione, ì-AWD on demand, diventa permanente. A proposito della trazione integrale, c’è da dire che anche senza collegamento meccanico resta perfettamente efficiente. Utilizzando due motori elettrici si eliminano le perdite meccaniche. L’intervento del motore elettrico posteriore, anche con funzione ti controllo della coppia, avviene in modo istantaneo sulle singole ruote.

Il motore benzina garantisce sempre la carica per sfruttare la massima trazione ed un caso di necessità. Se la coppia dei due motori elettrici non dovesse bastare per superare l’ostacolo, viene in aiuto il motore benzina in parallelo.

DIVERSE MODALITA DI RICARICA

La nuova impostazione del sistema inverter sfrutta al meglio la frenata rigenerativa su più livelli per ricaricare velocemente. La carica esterna può avvenire attraverso la presa domestica, oppure con una di tipo Mennekes (32A, 6.6 kW) attraverso la wallbox per un tempo di 2,5 ore. Infine, l’APP MyT consente di controllare lo stato della batteria, pianificare l’orario di ricarica e programmare il sistema di condizionamento.

COMPORTAMENTO SICURO VOTATO AL COMFORT

Il cambio è il classico sistema epicicloidale brevettato da Toyota. Per quando sia stato nettamente migliorato nella risposta, resta una leggera lentezza di fondo, anche in Sport, che si corregge sfruttando al meglio l’azione sull’acceleratore che diventa più sensibile. Anche lo sterzo conferma la natura confortevole della Rav4. Non è velocissimo ma migliora in precisione nella modalità più dinamica. Anche in questo caso un buon guidatore può adattare l’azione anticipando la manovra di ingresso in curva compensando il ritardo di risposta.

Il sistema di rigenerazione con frenata assistita, tramite palette al volante funziona bene, pure troppo. Si riesce anche ad avere una frenata rigenerativa in grado di consentire un ingresso in curva leggermente allegro. Un aiuto non solo per la batteria ma anche per i freni meccanici che hanno il loro bel da fare per reggere la fatica dovuto al peso della vettura.

Per quanto la prestazione sul dritto faccia pensare di avere una SUV grossa e sportiva, anche nella modalità più dinamica la RAV4 resta una vettura sicura ma tranquilla. La piattaforma tecnica GA-K, per quanto ottima sulla carta, deve lottare contro la scelta di un’assetto morbido, quindi non riesce ad evitare un certo rollio in curva. La presenza di un sistema di sospensioni attivo avrebbe giovato sicuramente. In ogni caso, anche provocata apposta, tipo manovra dell’alce, in controlli di sicurezza, aggiornati, sono intervenuti con prontezza e puntualità, addomesticando le velleità grintose del conducente.

Una volta trovata la quadra tra azione dello sterzo, e l’anticipo sull’acceleratore, si esce di curva con la coppia del motore posteriore che viene chiamato a correggere l’inziale sottosterzo che tende a manifestarsi sotto l’azione della potenza sull’asse anteriore con il bilanciamento sempre assicurato.

UN ESPERIENZA DI GUIDA SEMPRE PIACEVOLE

Alla guida del Rav4 PHEV ì-AWD 306cv, il vero protagonista è il driver. Si può lasciare ogni automatismo al sistema ibrido per avere la massima efficienza, oppure divertirsi a combinare le modalità di funzionamento adattando la Rav4 Plug-In al proprio stile di guida, il che rende il tempo passato al volante di quest’auto una rappresenta una bella esperienza.

EFFICIENTE CON BASSI CONSUMI

Il canonico percorso d 150KM che comprende 30% Urbano, 30% Extraurbano, e 30% autostradale con il 10% di curve e divertimento, dove possibile, ha fatto registrare, usando tutte le modalità e dinamiche compreso la trazione integrale, un valore di 4.0 litri/100km.

A questo valore va aggiunto il costo iniziale della carica elettrica, che convertito in carburante porterebbe a 4,7litri/100km. Nel caso si percorra un tracciato urbano da 70km al giorno, il costo è pari a 2,5 euro di energia equivalente a 1,5litri/100km. Se il tragitto sale a 100km, con una media da pendolare, usando la EV/Hybrid Auto, una volta esaurita la batteria, il valore sale 2.5litri/100km.

 Il tallone di Achille, come sempre è rappresentato dal percorso autostradale di medio-lunga percorrenza, dove il motore 2.5litri con 182cv anche abbassando il numero di giri per viaggiare a 130km/h riesce percorre circa 6,5litri/100km che porta alla media inziale di 4,7litri/100km di media complessiva. Un valore medio comunque più basso di qualunque diesel da 306cv!

COSTI ED ALLESTIMENTI

La Rav4 2.5ì Hybrid Plug In ì-AWD 306cv Dynamic+ offre di serie i cerchi in lega da 18’’, fari a LED, vetri posteriori oscurati, Power back door, sistema multimediale Touch 3 da 9’’ con DAB, navigatore satellitare e smartphone integration, wireless charger, sedili in pelle riscaldati, con quello del guidatore regolabile elettricamente e supporto lombare, più tutti i sistemi di sicurezza attiva attraverso il Toyota Safety Sense. Il tutto ad un prezzo di 55.500€ che, grazie agli Hybrid bonus ed agli incentivi statali scende a 45.500€ in caso di rottamazione.

CONCLUSIONI

Per quando sia un SUV di stazza medio-grande, il Rav4 Plug in si dimostra perfetto per la vita quotidiana. La propulsione elettrica al momento nel suo segmento garantisce percorrenze da record. Una vettura ben equipaggiata anche nella versione entry level oggetto della prova. Di contro il peso si fa sentire, soprattutto in curva. L’efficienza è raggiunta, la prestazione pure, ora non tocca far altro che alleggerire il tutto per sfruttare al massimo l’ottima piattaforma telaistica di base.

Daniele Amore

In collaborazione con Toyota T Motor San Lazzaro di Savena (BO) @ToyotaTMotor

Rispondi