La nostra rubrica, “guida all’acquisto”, in questa trattazione, mette a confronto Hyundai i20 e Opel Corsa. Due vetture de segmento “B” che puntano tutto su concetti di solidità, funzionalità senza rinunciare ad uno stile giovane e fresco per accattivare ogni tipo di pubblico.

Le due protagoniste in sintesi

La terza generazione della Hyundai i20, oltre alla solita immagine pragmatica e di sostanza, rinnova il suo stile distinguersi dalla massa. Non solo sostanza ma anche una certa attenzione ad un pubblico più giovane. La nuova piattaforma tecnica sfrutta l’esperienza dei tecnici della divisione “N” maturata dai successi nei rally. Il risultato è un’ottima guidabilità migliorando la risposta dello sterzo. Gli interni spiccano per la presenza del cruscotto digitale. Il sistema multimediale è connesso con Android Auto e Apple CarPlay e sfrutta un display rialzato da 10,3”. Infine, sono presenti anche i più recenti sistemi ADAS. Buona anche la qualità di materiali ed assemblaggio oltre che all’abitabilità adatta per cinque con un bagagliaio 352. La base della gamma motori parte dal 1.0 tre cilindri, anche turbo e abbinato alla tecnologia mild hybrid 48v. Un valore aggiunto sia per in consumi che per il rispetto delle norme antinquinamento nelle città più severe.

Interni: Più funzionale la i20

L’avversaria, l’Opel Corsa, nasce dalla piattaforma condivisa per le piccole del gruppo Stellantis come per esempio la Peugeot 208. Nonostante la stretta parentela latina, lo stile esprime una certa solidità. Gli interni hanno accostamenti cromatici vivaci ed un sistema multimediale con schermo fino a 10 pollici però piuttosto basso ed incassato nella plancia. Rispetto alla rivale coreana, si è perso un po del pragmatismo tedesco nella disposizione dei comandi e nell’utilizzo dell’interfaccia del sistema. Dove la Corsa conserva parte del retaggio francese è nel comportamento stradale. Le sospensioni tarate alla tedesca rendono più ferma e sincera rispetto alle cugine francesi. Nella gamma motori c’è il classico 1.2 PureTech ma c’è ancora la possibilità di scegliere la motorizzazione a gasolio. Al posto di una soluzione ibrida la Opel ha optato direttamente per la versione puramente elettrica con 360 km di autonomia.

Spazio: La Hyundai i20 è più capiente

Le due rivali hanno dimensioni analoghe superando di pochi centimetri i 4 metri. La coreana, però, sfrutta meglio la sua linea più tradizionale con il montante posteriore più dritto per offrire più spazio agli occupanti. Inoltre, il bagagliaio della i20 vanta una capacità di carico di 40 litri in più rispetto alla Corsa. Un valore aggiunto notevole considerando la natura funzionale delle due vetture spesso anche adatta ad essere auto unica di famiglia.

Prestazioni: La Corsa ha più brio

Dal punto di vista prestazionale la Corsa vanta rispetto alla rivale una cilindrata di 200 centimetri cubi in più con un valore di coppia più alto da un regime più basso. Nonostante la possibilità di scegliere la tecnologia mild hybrid a 48v che sfrutta la maggiore spinta temporanea del motore elettrico la i20 non riesce a pareggiare i conti in termini prestazionali. La Corsa infatti può anche contare su peso minore leggera spuntando tempi in accelerazione sotto i 10 secondi.

Comportamento: Entrambe sicure ed affidabili, diverso carattere dinamico

Su strada entrambe le vetture si mostrano efficaci, sicure ed affidabili. La differenza sostanziale sta nella percezione del comportamento da parte del guidatore. Più sincera e telefonata nelle reazioni la coreana, più dinamica pur restando sicura la tedesca. Nel caso della coreana, nella peggiore delle ipotesi farà sempre capolino in leggero sottosterzo nelle manovre al limite. La Corsa invece è una vettura che punta a coniugare il meglio di due mondi. Il dinamismo del retrotreno tipicamente francese, con la compostezza di sospensioni ben frenate alla tedesca. Peccato solo per qualche vibrazione di troppo dal piccolo PureTech tre cilindri che inficia sul comfort già alle prese con un set up delle sospensioni piuttosto rigide.

Consumi: La mild hybrid 48v della i20 aiuta, la Corsa diesel è la più economica

Dal punto di vista dei consumi le due vetture si equivalgono. Ai vantaggi offerti da una migliore erogazione di potenza con meno peso della Corsa, risponde la maggiore efficienza del Mild Hybrid della i20. A parità di potenza e motorizzazione entrambe ottengono un eccellente valore di 5.1litri/100km per un percorso misto. La differenza sostanziale sta nella differenziazione della gamma. La Hyundai prevede anche la versione GPL sempre molto apprezzata dai clienti italiani anche se abbinata alla motorizzazione 1.2 litri quattro cilindri da soli 84cv. La Opel Corsa invece ha ancora in listino la motorizzazione diesel, adatta ai passisti autostradali con ottimo rapporto prestazioni/consumi. Infine alla mild hybrid della coreana la tedesca risponde con l’elettrica pura.

ADAS: Dotazione simile per entrambe

La dotazione di sicurezza è molto simile per entrambe. La differenza sostanziale sta nel fatto che la Hyundai consente di attingere ai pacchetti evoluti di guida assistita di secondo livello semi-autonoma. La Corsa invece, parte da un prezzo più basso e consente di scegliere il tipo di ADAS da abbinare all’allestimento adattando il prezzo della vettura alle proprie esigenze.  

Costi: Più versioni per la i20 anche GPL, più allestimenti per la Corsa anche elettrica

Il costo dell’impianto GPL non è propriamente a bon mercato con in esborso aggiuntivo di 2000 euro, ma bisogna dire che Hyundai è uno dei pochi costruttori, se non l’unico ad estendere la garanzia totalmente anche per questo tipo di alimentazione. Anche la tecnologia Mild Hybrid porta ad un esborso maggiore di 2000 euro. Questo porta ad una percorrenza minima di 15.000km annui per ammortizzare la spesa maggiore sfruttando il consumo del 15% più basso rispetto alla corrispondente versione benzina.

In casa Opel, invece, la differenza di prezzo tra la versione benzina e quella diesel a parità di potenza è tutto sommato molto contenuta in soli 1000 euro. Il che rende la seconda molto appetibile anche per percorrenze modeste sopra i 10.000 annui. Completamente diverso il discorso relativo alla motorizzazione elettrica, che si attesta, a parità di allestimento, sui 33.600 euro. Un prezzo che scende in linea con le versioni benzina e diesel solo con un incentivo di almeno 10.000 euro tra stato e regioni

Conclusioni: Vince al Hyundai i20 di misura!

Quello tra la coreana e la tedesca della Opel è stato un duro scontro. La Hyundai prevale per gli aspetti legati alla funzionalità degli interni soprattutto per la posizione e la gestione dell’interfaccia del sistema multimediale, sfruttando al meglio anche lo spazio a disposizione. Dove la Opel Corsa si è difesa bene è stato dal punto di vista prestazionale dove il piccolo PureTech ed il BlueHDI hanno fatto la loro bella figura.

Risultati analoghi dal punto di vista della sicurezza attiva. Entrambe sono vetture sicure in curva. La i20 ha un anima più pragmatica e sincera, la Corsa più dinamica e divertente. Infine le due auto sono offerte con un rapporto prezzo dotazioni molto simile. La Hyundai può contare su una gamma più articolata ed una garanzia di 5 anni che rappresenta sempre un eccellente valore aggiunto.

Rispondi