Pubblicità

Il boss della Haas , Guenther Steiner, ha invitato la FIA nella base di Maranello della sua squadra dopo le recenti critiche sulla loro collaborazione con la Ferrari .

Alcuni team rivali di F1 hanno chiesto all’organo di governo di dare un’occhiata più da vicino alle somiglianze tra la nuova vettura VF-22 di Haas e la F1-75 della Ferrari.

La Scuderia fornisce da tempo alla Haas un propulsore, un cambio e altre componentistichr, mentre Mick Schumacher è un pilota della Ferrari Driver Academy.

Ma il loro rapporto si è rafforzato nelle ultime stagioni, con alcuni membri dello staff tecnico del team italiano che si sono trasferiti in una struttura a Maranello – separata dalla principale fabbrica Ferrari – dove lavorano per Haas, alla luce del fatto che la Ferrari ha dovuto ridurre le proprie operazioni a causa di limiti di budget.

La Ferrari ha dichiarato da tempo che il loro rapporto con Haas rispetta il regolamento e che le due squadre possono condividere la stessa galleria del vento ma non scambiarsi i dati.

“La Haas è una squadra completamente indipendente rispetto alla Ferrari. Non è un junior team e non stiamo scambiando informazioni oltre a quanto concesso dal regolamento”. Fa sapere Mattia Binotto.

Le squadre rivali mettono in dubbio possibili “scappatoie”

Il capo della Alpine Otmar Szafnauer è tra quelli ad aver espresso preoccupazione per alcune partnership sulla griglia, senza indicare specificamente Haas o Ferrari.

“Penso ancora che ci siano alcune scappatoie che le squadre che condividono le stesse gallerie del vento possono sfruttare.”

Steiner invita la FIA alla base Haas di Maranello

In risposta, Steiner ha dichiarato che la FIA è benvenuta a visitare la Haas a Maranello e lo fa regolarmente, per garantire che la squadra rispetti le regole.

“Facciamo tutto secondo i regolamenti”, ha detto Steiner a RTL in Germania .

“Ho detto alla FIA: ‘Ragazzi, per favore, venite a controllare ogni giorno, perché stiamo facendo tutto secondo le regole’.

“La FIA ​​è con noi a Maranello, a controllare. Sono i benvenuti. Se trovano qualcosa, lo miglioreremo. Ma non troveranno nulla che possa pensare che abbiamo copiato una macchina”.

Steiner si è anche affrettato a scherzare sul fatto che le critiche alla Haas sono arrivate dopo un inizio di stagione che li ha visti impressionare, e non durante gli anni precedenti in cui stavano combattendo in fondo alla griglia.

“Le critiche arrivano sempre quando abbiamo una buona macchina. È diventato noioso, come una zuppa riscaldata.”, ha continuato.

“Devi avere argomenti adeguati quando ti lamenti. Non puoi dire sempre la stessa cosa, altrimenti è come un disco rotto che continua a ripetersi”.

Pubblicità

Rispondi