Pecco Bagnaia si è assicurato la decima pole position in MotoGP con un veloce giro di 1’31.504 sul circuito del TT di Assen.

L’italiano comanda la griglia di partenza di domenica davanti al campione in carica Fabio Quartararo e Jorge Martin di Pramac con Marco Bezzecchi di Mooney VR46 che impressiona al quarto posto. 

Le qualifiche della MotoGP sono iniziate sotto la minaccia della pioggia e con Enea Bastianini che ha sofferto un problema tecnico all’uscita della sua Ducati Gresini Racing. Il team si affretta a riportare la sua seconda moto sull’asciutto mentre l’italiano è scattato in pitlane con il kit completo.

Brad Binder della Red Bull KTM ha stabilito il ritmo iniziale mentre il debuttante Tech3 Remy Gardner e il compagno di squadra ufficiale Miguel Oliveira si sono seduti secondo e terzo con Fabio di Giannantonio che ha superato Franky Morbidelli tra i primi cinque.

Seconda volta e Oliveira ha preso il comando dal sudafricano con Joan Mir della Suzuki Ecstar alla deriva nella terza. Andrea Dovizioso sale al quarto posto sulla Yamaha WithU davanti a Gardner e Alex Marquez mentre Morbidelli della Monster Energy Yamaha è sceso al settimo posto.

Bastianini è rientrato in azione a metà sessione con il decimo posto, appena dietro al suo compagno di squadra Gresini Di Giannantonio, quando Mir è caduto alla curva cinque al suo primo giro lanciato. L’italiano è migliorato fino al settimo posto al giro successivo.

Luca Marini di Mooney VR46 è salito al quarto posto con tre minuti rimanenti mentre Stefan Bradl ha trovato il sesto posto sulla Repsol Honda. Binder ancora una volta in testa ai tempi, con un 1’32.485, quando Diggia ha conquistato il sesto posto dal tedesco.

Marini ha continuato la sua scalata al terzo posto prima di iniziare un altro giro ma l’italiano non è stato all’altezza nel secondo settore mentre si è accontentato del 13° posto sulla griglia di partenza di domenica. Delusione anche per Diggiannantonio e Bastianini con quinto e sesto dietro a Mir.

La KTM si è unito alla lotta per la Q2 quando Martin ha stabilito un nuovo record sul giro di tutti i tempi con un 1’31.708 al suo primo tentativo. Anche Quartararo della Yamaha ha centrato il record del suo ex compagno di squadra mentre la sessione si è accesa con Jack Miller al terzo posto sulla Ducati Lenovo prima che Bagnaia rubasse la posizione al suo collega di fabbrica.

Bezzecchi ha continuato a mostrare la sua crescente fiducia da rookie dal quinto posto davanti alla coppia Aprilia di Aleix Espargaro e al poleman dell’anno scorso Viñales con Johann Zarco di Pramac che ha diviso la coppia al settimo posto. Alex Rins ha fatto circolare la Suzuki al nono posto con le KTM e Takaaki Nakagami completando la top 12 a metà della pausa.

Espargaro è uscito subito dai blocchi sulla RS-GP mentre le seconde manche hanno preso velocità. Bagnaia ha attraversato l’ultima chicane per un 1’31.504 per prendere il suo secondo record del circuito in tante settimane mentre Bezzecchi è migliorato ancora, questa volta al quarto, il proprio sforzo anche sotto i migliori dell’anno scorso. Il capitano dell’Aprilia ha ottenuto il quinto posto quando Martin è scivolato fuori alla curva cinque con Miller a terra alla stessa curva la prossima volta.

Quartararo ha promosso la M1 al secondo posto con un 1’31.620 al conto alla rovescia, con la propria quinta salva per giunta ma il dominio di Bagnaia non sarebbe stato messo in discussione. Martin ha tenuto duro per la sua prima partenza in prima fila da Austin, nonostante l’incidente in ritardo.

Bezzecchi si è preparato per la seconda fila per la gara di 26 giri di domani con Espargaro e Miller in compagnia, su Zarco, Oliveira e Rins. Binder, Vinales e Nakagami completano la top 12 dopo che il pilota Aprilia è caduto nelle fasi finali delle bandiere gialle.

Rispondi