Pubblicità

Christian Horner, Team Principal della Red Bull, crede che la Ferrari possa essere la favorita nel prossimo Gran Pemio di Gran Bretagna a Silverstone, anche se afferma che la propria squadra si preparerà al meglio per riscattare la vittoria mancata dello scorso anno.

La Red Bull ha vinto sette delle prime nove gare ed è attualmente in testa al campionato costruttori davanti alla Ferrari che la segue con 76 punti di svantaggio.

Nonostante il vantaggio della Red Bull, Horner è tutt’altro che tranquillo, credendo che la forma della Ferrari e la possibilità di aggiornamenti li rendano i favoriti a Silverstone, come ha anche sottolineato il balzo in avanti della Mercedes.

“Silverstone sarà una gara simile a Barcellona dove abbiamo visto una Ferrari molto forte. Ma occhio anche alla Mercedes che nelle ultime gare ha fatto un notevole passo in avanti. Sarà interessante vedere i valori in pista sapendo che la Ferrari porterà degli aggiornamenti.”

La Red Bull spera di non vivere un Gran Premio di Silverstone come quello dello scorso anno, dove erano arrivati con un vantaggio di 44 punti sulla Mercedes inseguitrice, ridotto a sei lunghezze dopo la gara, quando a vincere è stato Hamilton dopo la collisione con Verstappen al primo giro.

E Horner, la cui squadra ha vinto le ultime sei gare di fila, ha affermato che è fondamentale per la Red Bull continuare la striscia positiva di risultati, mentre non si è fatto mistero di voler vendicare il risultato del 2021: la Red Bull ora cerca la sua prima vittoria a Silverstone dal 2012.

“Silverstone è stata piuttosto dura per noi l’anno scorso”, ha detto Horner. “Anche lo scorso anno ci siamo arrivati con un buon vantaggio ed è importante per noi mantenerlo anche dopo la gara.”

“Silverstone è uno dei migliori circuiti del calendario”, ha aggiunto Horner. “Ci sarà una folla da record anche quest’anno, non vediamo l’ora di vederli sulle tribune. Sono sicuro che ci sarà un enorme supporto per i piloti Mercedes, ma andremo lì carichi e cercheremo di rimediare a quello che è successo l’anno scorso”.

Foto: F1

Pubblicità

Rispondi