Pubblicità

Il campione del mondo in carica Max Verstappen ha stabilito un ritmo impressionante nelle prove di apertura del Gran Premio d’Austria, davanti a Charles Leclerc della Ferrari e George Russell della Mercedes al Red Bull Ring.

Poiché si svolgerà la gara Sprint, le FP1 hanno acquisito maggiore importanza in Austria poiché erano gli unici 60 minuti di tempo in pista che i team avrebbero avuto per sistemare le proprie vetture e prepararsi per il fine settimana.

Verstappen ha segnato un 1m 06.302 con le soft, 0.348 di vantaggio da Leclerc con Russell mezzo decimo indietro, prima che il pilota della Red Bull rivolgesse la sua attenzione ai long run con le gomme più morbide per raccogliere dati per le gara Sprint di sabato.

Lewis Hamilton ha portato le due Mercedes tra i primi quattro con Kevin Magnussen quinto per Haas.

Carlos Sainz, vincitore l’ultima volta a Silverstone, è stato sesto per la Ferrari davanti al suo connazionale Fernando Alonso sulla Alpine e Sergio Perez della Red Bull, con Mick Schumacher della Haas e Yuki Tsunoda della AlphaTauri che hanno completato la top 10.

È stata una giornata miserabile per la McLaren, con Lando Norris che si è fermato in pista per far uscire la prima delle due bandiere rosse (la seconda era per concedere il tempo di recuperare alcuni detriti). Il suo compagno di squadra Daniel Ricciardo non era contento della vettura e chiude con un modesto 17° tempo.

Lance Stroll è stato 11° per l’Aston Martin, una frazione di vantaggio su Esteban Ocon e Sebastian Vettel 13° con la seconda Aston Martin.

Valtteri Bottas affronta una dura battaglia questo fine settimana con il suo team Alfa Romeo che sceglie di cambiare una serie di componenti del motore che lo confinano in fondo alla griglia.

Il finlandese è stato il 14° più veloce, con il compagno di squadra Zhou Guanyu 18°.

Alex Albon, che gestiva l’intero pacchetto di aggiornamento Williams, era 14°, davanti a Pierre Gasly di AlphaTauri, con Nicholas Latifi 19° sulla sorella Williams.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi