Pubblicità

La gara sprint del Gran Premio di Austria di F1 viene vinta da Max Verstappen su Red Bull che taglia il traguardo davanti alle due Ferrari di Leclerc e Sainz, protagoniste di un acceso duello nei primissimi giri della gara.

La gara sprint ci regala emozioni ancora prima di iniziare con Alonso che rimane fermo in griglia e viene portato in pit lane e la gara per lo spagnolo termina qui, senza nemmeno iniziare. Zhou si ferma per problemi al motore poco prima di completare il giro di formazione ma riesce a ripartire. Il gruppo dovrà effettuare un altro giro di formazione mentre a Zhou viene ordinato di partire dall’ultima posizione e dalla pit lane.

Alla partenza Verstappen scappa subito via, Leclerc tenta di dare fastidio alla Red Bull n°1 ma alla prima curva viene anche superato dal compagno Sainz che tenta alla curva 3 di superare il Campione del Mondo. Lo spagnolo arriva però lungo e questo permette a Lecelrc di avvicinarsi al compagno di squadra per superarlo alla curva successiva. Le scaramucce tra i piloti Ferrari permette a Verstappen di accumulare del margine, anche se le Ferrari sono subito dietro.

Al via contatto alla prima curva tra Hamilton e Gasly, con il pilota dell’AlphaTauri che decolla toccato dalla monoposto Mercedes ma che riesce a proseguire la sua gara nonostante nelle retrovie. Ottimo spunto invece di Perez che nel corso del primo giro si porta da 13° ad ottavo, dietro alle due Haas.

Verstappen fa la lepre e le Ferrari nei primi giri non hanno lo stesso ritmo del campione del mondo in carica e addirittura Leclerc deve guardarsi le spalle da Sainz che sembra avere più ritmo del suo compagno di squadra.

Al nono giro Perez riesce a mettersi tra le due Haas, superano Schumacher e portandosi negli scarichi di Magnussen che supererà con facilità un giro dopo.

Contatto, nel corso dell’undicesimo giro, tra Albon e Vettel con il pilota della Williams che tocca l’Aston Martin del tedesco costringendolo ad un testacoda sulla ghiaia.

A metà gara il distacco tra Verstappen e Leclerc è di tre secondi ma c’è da tenere d’occhio la rimonta di Perez che si libera di Ocon e si porta alla caccia di Russell in quarta posizione. Nelle retrovie battaglia tra Hamilton e Schumacher per l’ottava posizione con il pilota della Haas che si difende egregiamente dagli attacchi del sette volte campione del mondo.

A due giri dalla fine Hamilton trova il varco su Schumacher e mette la sua Mercedes davanti alla Haas del giovane tedesco. Tanto di cappello al giovane Mick che ha dimostrato tutto il suo talento nel tenere dietro un sette volte campione del mondo come Hamilton nonostante una Haas meno competitiva della Mercedes.

Trionfa Verstappen davanti alle Ferrari di Leclerc e Perez. Giù dal podio Russell su Mercedes, davanti a Perez, Ocon, Magnussen, Hamilton, Schumacher e Bottas.

Photo by Bryn Lennon/Getty Images

Pubblicità

Rispondi