Pubblicità

Charles Leclerc è stato il più veloce a Budapest nelle FP2 del GP di Ungheria, quando il pilota monegasco ha superato la classifica nella seconda sessione di prove libere dell’Hungaroring, davanti ad un impressionante Lando Norris su McLaren.

Leclerc ha iniziato bene la sessione, stabilendo il ritmo iniziale con la gomma media con un tempo di 1m e 18.911, staccando il suo compagno di squadra Carlos Sainz di 0.481.

A 20 minuti al termine delle FP2, i piloti hanno iniziato a scendere in pista con gomme morbide e poco carburante per le consuete simulazioni di qualifiche del venerdì pomeriggio.

Ed è stato Lando Norris a lanciare la sfida iniziale, stabilendo il primo settore più veloce per segnare un tempo di 1m 18.662s. Tuttavia, il tempo del pilota McLaren è stato rapidamente battuto da Leclerc, che è andato oltre due decimi più veloce con un tempo di 1m 18.445.

Sainz – che ha abbandonato il suo primo tentativo con le gomme morbide – era una frazione più indietro quando ha fatto segnare il terzo miglior tempo della sessione, davanti al leader del campionato Max Verstappen al quarto posto – con i primi quattro coperti da soli 0,283 secondi.

È stata una buona giornata per la McLaren, con il vincitore del Gran Premio d’Ungheria 2014 Daniel Ricciardo al quinto posto, a poco più di due decimi dal compagno di squadra e Fernando Alonso – un altro ex vincitore dell’Hungaroring – al sesto.

Sebastian Vettel, sulla Aston Martin aggiornata, è stato il settimo più veloce, davanti a George Russell all’ottavo. Sergio Perez, con la seconda Red Bull, è sceso al nono posto, con l’Alfa Romeo di Valtteri Bottas a completare la top ten nella sua prima sessione di giornata, dopo essere stato sostituito da Robert Kubica nelle FP1.

L’otto volte vincitore a Budapest Lewis Hamilton è sceso all’11° posto – anche se ha incontrato traffico su un giro più veloce – stretto dai due piloti dell’Alfa Romeo, con Zhou Guanyu al 12°.

Il vincitore dell’Ungheria dell’anno scorso Esteban Ocon è arrivato 13°, a oltre mezzo secondo dal suo compagno di squadra, davanti a Lance Stroll al 14°, con l’AlphaTauri di Pierre Gasly e Yuki Tsunoda rispettivamente al 15° e 19°.

Tra questi due c’era Kevin Magnussen – sulla Haas potenziata – al 16° posto, davanti al compagno di squadra Mick Schumacher al 17°, con Nicholas Latifi al comando della Williams al 18°.

Alex Albon è sceso al 20° posto dopo che la sua simulazione di qualificazione è stata ridotta da un testacoda alla curva 1, oltre ad aver lottato con il sovrasterzo.

Pubblicità

Rispondi