Pubblicità

Jake Dennis ha ottenuto la vittoria dell’E-Prix di Londra, battendo Stoffel Vandoorne e il pilota Mercedes ha esteso il suo vantaggio nel campionato di Formula E.

Dopo aver conquistato la pole position su Vandoorne sabato, Dennis è stato in grado di mantenere il comando alla partenza e tenere a bada Vandoorne per tutta la gara, gestendo il suo ritmo e la sua energia per assicurarsi di tagliare il traguardo con un vantaggio di 2,2 secondi al bandiera a scacchi.

Dennis ha controllato Vandoorne all’inizio della gara e ha mantenuto il comando fino alla prima curva. Ha così iniziato a cercare di stabilire il ritmo nel tentativo di controllare la corsa ed eguagliare la sua vittoria in gara della scorsa stagione.

I due hanno preso insieme le loro modalità di attacco di apertura al nono giro, con le due attivazioni da 250kW della durata di un minuto ciascuna, e quindi sono rimasti incollati insieme, abbinati per potenza.

Ma alla fine delle loro modalità di attacco, Dennis aveva il due percento in più di energia rispetto all’inseguitore Vandoorne, avendo anche utilizzato meno energia di de Vries e Sette Camara nell’inseguimento.

Il duo Mercedes aveva mirato a rimanere davanti a Sergio Sette Camara fuori linea, con la squadra che si aspettava che il pilota della Dragon Penske avrebbe iniziato a trattenerli, e lo ha fatto fuori linea.

Ma Sette Camara ha effettuato un sorpasso all’interno di Nyck de Vries alla prima curva al quinto giro, ottenendo il terzo posto dal campione in carica. Il brasiliano è riuscito a tenere il passo con Vandoorne davanti, ma è stato ancora una volta spiazzato da de Vries quando l’olandese lo ha battuto con la sua prima modalità di attacco all’ottavo giro.

Con Vandoorne che probabilmente richiedeva un vantaggio strategico per ottenerne uno su Dennis, gli è stato chiesto di passare alla modalità attacco al giro 17, che Dennis ha anche coperto per preservare il suo vantaggio nella seconda metà della gara.

È stato a questo punto che Dennis ha iniziato a costruire il break, trovando un vantaggio di 1,5 secondi su Vandoorne – e ancora con più energia – per estendere il suo vantaggio.

Vandoorne è stato in grado di ridurre il distacco da Dennis negli ultimi 15 minuti di gara a meno di un secondo, ma è rimasto a una percentuale di energia mentre il pilota di Avalanche Andretti ha continuato a gestire il suo ritmo davanti, mantenendo il belga a debita distanza da Vandoorne è stato detto di non correre rischi.

È stato sufficiente per Dennis, alla fine della gara, estendere il suo vantaggio su Vandoorne e rivendicare la sua seconda vittoria in assoluto all’E-Prix di Londra, avendo vinto la gara del sabato all’ExCeL lo scorso anno dal secondo in griglia.

Il britannico ha anche ottenuto il giro più veloce, completando il suo Grande Slam.

Essendosi in gran parte accontentato del secondo posto, Vandoorne ha allungato i suoi punti di vantaggio nel campionato piloti, dato che de Vries ha mantenuto il terzo posto nonostante una drammatica battaglia a fine gara con un Nick Cassidy in carica.

Cassidy aveva cronometrato le sue modalità di attacco più tardi dei suoi rivali, permettendogli di recuperare terreno nel secondo tempo e raggiungere de Vries dopo aver eliminato artisti del calibro di Sette Camara, Maximilian Guenther e Oliver Askew.

Con Cassidy dappertutto a de Vries, l’olandese ha messo una severa difesa per tenere dietro il kiwi, vedendo arrivare un tentativo di passaggio alla curva 21 e poi sbattere la porta nelle curve 1 e 2.

Il pilota dell’Envision ha cercato di trascinare de Vries sul traguardo, ma il pilota della Mercedes ha mantenuto la testa davanti per 0,3 secondi e gli steward hanno respinto un’indagine sulla difesa di de Vries.

Askew ha guadagnato il quinto posto dopo che Guenther ha iniziato a rimanere senza potenza, costringendo il pilota Nissan a tornare all’ottavo posto – dietro a Mitch Evans e Antonio Felix da Costa – verso la fine della gara.

La miseria di Sette Camara è stata peggiore, avendo esaurito le energie utilizzabili dopo essere arrivato quarto per la maggior parte della gara, e quindi ha iniziato a scendere nell’ordine attraverso il risparmio energetico, prima di abbandonare i punti alla fine per negargli il suo primo punteggio dell’anno.

Lucas di Grassi ha raddoppiato il suo bottino di punti quando Sette Camara è uscito dalla top 10 e Pascal Wehrlein ha recuperato un punto in una gara difficile per la squadra Porsche.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments