Jonathan Rea Kawasaki ha conquistato la Superpole del WorldSBK a Most con un nuovo record di tutti i tempi stabilito dal sei volte campione.

Primo pilota a sfondare la barriera dell’1’31, l’1’30.947 di Rea ha rubato la scena alle qualifiche con Toprak Razgatlioglu della Yamaha e Michael Rinaldi della Ducati di Aruba.it che hanno completato la prima fila per la gara di apertura del pomeriggio del round ceco.

Dopo una FP3 bagnata, l’Autodrom Most ha fornito una pista asciutta per le qualifiche della Superpole mentre la classe Superbike è partita per la sessione di 15 minuti. Alvaro Bautista della Ducati ha aperto la strada nei tempi iniziali a causa del malore di KRT Alex Lowes, prima che Razgatlioglu si avvicinasse al suo record precedente con un 1’31.578, a meno di un decimo dal suo nuovo record sul giro stabilito venerdì pomeriggio.

Rea ha continuato a sfidare il suo rivale Pata Yamaha sulla Kawasaki Ninja con un 1’31.9, l’unico altro pilota sotto la bolla di 1’32 fino ad ora, Aruba con Rinaldi e Bautista seduti terzo e quarto.

Sei decimi hanno coperto i primi sei quando Lowes e Andrea Locatelli hanno completato gli sforzi più veloci a metà tappa prima che Scott Redding arrivasse al terzo posto sulla BMW M1000RR. Lucas Mahias di Puccetti Kawasaki ha guidato Iker Lecuona della Honda e Garrett Gerloff della Yamaha GRT nella top ten con Peter Hickman e Ryan Vickers rispettivamente al 18° e 24° posto.

Bautista ha segnato la pole a tre minuti dalla fine quando lo spagnolo ha stabilito un 1’31.567. Il ritmo si è scaldato dietro quando Lowes è salito al terzo posto, poi il suo compagno di squadra ha preso d’assalto la classifica con un vertiginoso 1’30.947. Rea seduto a 0,330 secondi dal campione in carica con il suo nuovo record sul giro di tutti i tempi sulla pista ceca.

Rinaldi ha lasciato il segno in prima fila salendo al terzo posto nell’ultimo minuto, con un giro che ha eguagliato il record precedente di Razgatlioglu, il suo compagno di squadra Ducati si è unito a lui tra i primi quattro e ha spostato Lowes al quinto posto quando la bandiera a scacchi è caduta.

Gerloff si è seduto sesto davanti a Redding, Locatelli, Axel Bassani e Mahias di Motocorsa con Loris Baz di Bonovo BMW alla guida del duo Honda di Lecuona e Xavi Vierge.

Clicca qui per la classifica completa

Credito fotografico: WorldSBK

Rispondi