Pubblicità

Jack Doohan ha conquistato la vittoria della FIA in Formula 2 all’Hungaroring, tenendo a bada Juri Vips per tagliare il traguardo con cinque secondi di vantaggio. 

Il pilota della Virtuosi è scattato dalla pole, perdendo brevemente il vantaggio da Enzo Fittipaldi, prima di riprendere il comando alla curva 2. 

Da lì ha resistito agli attacchi di Vips, che ha ridotto il distacco a meno di un secondo ma non è riuscito a superare il pilota dell’Alpine Academy, che ha ottenuto la sua seconda vittoria stagionale. 

Vips si è accontentato del secondo posto con la sua vettura Hitech, con Fittipaldi al terzo posto per conquistare il suo quarto podio stagionale per Charouz. 

Fittipaldi ha ottenuto la migliore partenza dalla griglia, prendendo subito il comando della gara, ma è andato largo alla curva 2 e ha permesso a Doohan di tornare in testa. 

Il caos è seguito più indietro, quando Dennis Hauger e Logan Sargeant sono entrati in contatto alla curva 1, ponendo fine alle gare di entrambi i piloti e costringendo Theo Pourchaire a compiere un’azione evasiva, facendolo cadere dal settimo al 16°. 

Frederik Vesti è poi andato largo alla curva 4 mentre cercava di prendere il terzo posto da Fittipaldi, permettendo al leader del campionato Felipe Drugovich di passare per il quarto posto, mentre Fittipaldi è rimasto terzo. 

La safety car è scesa in pista dopo che Hauger non è stato in grado di ripartire, mentre Sargeant è rientrato ai box per ritirarsi.

La gara è ripresa al quarto giro, con Doohan che ha lasciato il gruppo in anticipo prima di partire alla carica verso la curva 1, lasciando dietro di sé Vips e Fittipaldi. 

Pourchaire ha iniziato la sua rimonta, superando Roberto Merhi (Campos) all’ottavo giro, prima di prendere il 14° posto da David Beckmann all’interno della curva 1 al 10° giro. 

Jehan Daruvala, Marcus Armstrong (Hitech) e Liam Lawson di Carlin si sono scontrati per il sesto posto per gran parte della gara, con Daruvala in testa. 

Ma la coppia si è riunita al 19° giro, con Armstrong che si è allargato alla curva 1 mentre Daruvala è risalito all’interno. 

L’incidente, per il quale il pilota della Prema ha ricevuto una penalità di 10 secondi, ha consentito a Lawson di passare al settimo posto, mentre Armstrong è rientrato all’ottavo posto.  

Ayumu Iwasa di DAMS ha tentato di entrare in azione alla curva 2, tentando un passaggio su Armstrong, ma non è riuscito a superare il neozelandese. 

Al giro 22, il divario tra Doohan e Vips era inferiore a un secondo, ma l’australiano è andato rapidamente avanti per riaprire il divario a 1,7 secondi nel giro successivo. 

Daruvala ha iniziato a cadere nell’ordine, con Lawson e Armstrong che lo hanno superato prima che alla fine si fermasse ai box per le gomme morbide fresche al giro 24. 

Pourchaire, nel frattempo, è salito al nono posto, dopo aver superato Calan Williams e Olli Caldwell per assicurarsi un posto in zona punti. 

Incapace di catturare Doohan, Vips è stato lasciato a respingere Fittipaldi, ma le gomme medie usurate del pilota Charouz gli hanno impedito di passare e si è accontentato del podio finale. 

Drugovich ha preso il quarto posto, con Vesti e Lawson rispettivamente al quinto e sesto. Nonostante l’incidente con Daruvala, Armstrong è arrivato settimo, con Iwasa all’ottavo. 

Foto: https://www.facebook.com/jackdoohanaus

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments