Pubblicità

Théo Pourchaire ha lanciato la sfida al leader di lunga data del campionato Felipe Drugovich strappando la vittoria a Budapest nella Feature Race. Come ultima gara prima della pausa estiva, era giusto che tutte le lezioni che il pilota ART Grand Prix ha imparato finora in questa stagione venissero messe in pratica e il pilota ha gestito in maniera impeccabile le gomme fino alla bandiera a scacchi.

Enzo Fittipaldi ha rischiato con la strategia ma ha fruttato il secondo podio del fine settimana dopo quello realizzato nella Sprint Race di sabato giungendo secondo alla bandiera a scacchi. Una partenza scarsa per il poleman Ayumu Iwasa ha annullato la sua possibilità di vincere, ma il pilota DAMS ha compiuto miracoli con le gomme per completare il podio.

Frederik Vesti ha eseguito perfettamente la strategia alternativa per rivendicare il quarto posto, nonostante una penalità di cinque secondi rimediata all’inizio. Jüri Vips e Marcus Armstrong hanno regalato all’Hitech Grand Prix un buon bottino di punti rispettivamente al quinto e sesto posto, mentre Liam Lawson è arrivato settimo davanti a Richard Verschoor di Trident. Felipe Drugovich ha tenuto fino al traguardo per tenere a bada il secondo Carlin di Logan Sargeant per il nono posto.

LE CLASSIFICHE IRIDATE

Felipe Drugovich completa sette round consecutivi al vertice del Campionato Piloti con 180 punti. Ma è Théo Pourchaire che sembra avere lo slancio giusto, riducendo il vantaggio del pilota brasiliano a 21 punti a quattro fine settimana dalla fine. La mancanza di punti importanti di Logan Sargeant a Budapest lo vede cadere dalla coppia di testa a 119 lunghezze. Enzo Fittipaldi sale di tre posizioni al quarto mentre retrocede Jehan Daruvala al quinto.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments