La McLaren ha ufficialmente ingaggiato Oscar Piastri per la prossima stagione di Formula 1, scaricando il pilota australiano Daniel Ricciardo.

Il futuro dell’australiano è stato oggetto di molti dibattiti in questa settimana, con Alpine che martedì ha rilasciato una dichiarazione dove affermava che Piastri avrebbe sostituito Fernando Alonso, legato all’Aston Martin, con la squadra francese il prossimo anno.

Ma il team francese ha rimediato una figuraccia quando il 21 enne ha clamorosamente smentito il comunicato di Alpine, negando qualsiasi ingaggio da parte del team transalpino.

Piastri era noto per essere ammirato da altri team, dopo essere stato precedentemente collegato con un trasferimento in prestito alla Williams e oggi si apprende che Piastri ha firmato un contratto con la McLaren che lo vedrà affiancare Lando Norris e sostituire il connazionale Riccardo nella squadra di Woking nel 2023.

Si dice che il comitato di riconoscimento dei contratti della FIA, in cui tutti i contratti di F1 vengono verificati per la validità, abbia convalidato il nuovo contratto di Piastri con la McLaren a spese del suo accordo esistente con Alpine.

E adesso Ricciardo?

Il consiglio di riconoscimento del contratto della FIA ha stabilito che non esisteva un contratto valido tra Alpine e Piastri prima del 2023, lasciando la McLaren libera di concordare un accordo con l’australiano.

L’accordo di Piastri con la McLaren sarebbe stato finalizzato la sera del 30 luglio, prima che il trasferimento di Fernando Alonso all’Aston Martin fosse confermato il 1 agosto.

Secondo i regolamenti della Formula 1, Alpine non può contestare la decisione del consiglio, poiché i team di F1 hanno precedentemente deciso all’unanimità che è l’organo più alto che può pronunciarsi su questioni contrattuali.

La mossa di Piastri lascia nell’aria il futuro della F1 di Ricciardo. La scommessa migliore dell’australiano potrebbe essere quella di sostituire Alonso all’Alpine, per il quale ha guidato nel 2019 e nel 2020 nella sua precedente veste di Renault.

Rispondi