La Formula 1 è ritornata a correre in Olanda, per la prima volta dal 1985, sullo storico tracciato di Zandvoort nella passata stagione. Questo è stato reso possibile grazie alla crescente popolarità del pilota di casa Max Verstappen e per celebrare il ritorno della F1, il tracciato è stato rivisto e l’ultima curva, l’ampia Arie Luyendyk Bocht, è stata inclinata di 18° per aumentare la velocità in curva e di conseguenza anche nel rettilineo principale.

Il progetto originale prevedeva una seconda zona DRS che doveva iniziare propria prima dell’ultima curva a destra per cercare di aumentare le possibilità di sorpasso nel rettilineo del via, ma per motivi di sicurezza la FIA aveva deciso di accorciare questa zona facendola iniziare dopo la curva sopraelevata.

Lo scorso anno il Gran Premio d’Olanda non è stato caratterizzato da molta azione in pista e a seguito di ciò, la F1 rivaluterà l’idea di percorrere la Arie Luyendyk Bocht con il DRS aperto, testando questa soluzione durante le prove libere del venerdì.

“L’idea è quella di anticipare la zona DRS all’inizio dell’ultima curva, per cercare di aumentare i sorpassi e le azioni in pista. Non è una idea definitiva e chiederemo un feedback ai team dopo le prove libere. Se riteniamo che questa idea sia troppo rischiosa per la sicurazza, dovremmo cambiarla dopo le FP1”, ha detto a Viaplay Nikolas Tombazis, Direttore tecnico delle monoposto della FIA.

Il Direttore Motorsport Pirelli, Mario Isola, ha aggiunto che questa soluzione avrebbe cambiato il carico sulle gomme, ma ha pensato che fosse troppo presto per prevedere quale effetto avrebbe sul degrado l’uso del DRS attraverso l’Arie Luyendyk Bocht.

“Di solito quando apri il DRS trasferisci il carico sull’anteriore, quindi carichi molto di più le gomme anteriori rispetto a quelle posteriori”, ha detto Isola quando Motorsport.com gli ha chiesto di questo esperimento da fare nelle FP1.

“Quindi dobbiamo controllare i dati dopo questo test per capire se in questa condizione le gomme posteriori non soffrano di scivolamento. Possiamo avere del surriscaldamento della superficie, ad esempio, ma al momento è un po’ difficile fare una previsione corretta”.

Isola pensa che la mancanza di aderenza della mescola Pirelli C1 più dura spingerà i team verso le medie e le morbide durante la gara e spera che una doppia sosta possa offrire più azione.

“Speriamo che con la selezione che abbiamo deciso per Zandvoort avremo un po’ più di azione e un po’ più di sorpasso”, ha aggiunto. “Mi aspetto un delta sul giro tra C1 e C2 molto più grande di C2 e C3.

“Se è il caso di un giro corto come Zandvoort, che è simile a quello che abbiamo fatto a Budapest, allora forse la dura non sarà una scelta adatta per la gara e le squadre punteranno su medie e morbide. Ciò dovrebbe portare la strategia verso un doppio stop”.