Pubblicità

Charles Leclerc ha ottenuto la migliore prestazione nelle FP2 del GP di Olanda davanti al compagno di squadra Carlos Sainz e alla Mercedes di Lewis Hamilton, mentre la Red Bull è apparsa insolitamente poco competitiva. 

Solo 0,072 secondi hanno separato i primi tre nelle FP2 durante le prove di qualificazione con gomme morbide, con Leclerc in testa al gruppo dopo aver stabilito un nuovo tempo di riferimento di 1m12.345. 

Leclerc ha superato Sainz di soli 0,004 secondi, mentre Hamilton era a soli 0,072 secondi dal miglior tempo in quella che finora è stata una prestazione incoraggiante da parte della Mercedes. 

Lando Norris della McLaren chiude quarto a solo un decimo da Leclerc, con George Russell che completava i primi cinque sulla seconda Mercedes, un paio di decimi dietro Hamilton. 

Lance Stroll ha piazzato la sua Aston Martin al sesto posto davanti a Fernando Alonso dell’Alpine, mentre Max Verstappen è stato solo l’ottavo più veloce in quella che è stata una partenza difficile per il suo evento di casa al Gran Premio d’Olanda . 

Il campione del mondo in carica ha avuto un problema al cambio a soli 10 minuti dall’inizio della sessione di apertura, ed era insolitamente a sei decimi dal ritmo nelle FP2. 

Anche il compagno di squadra della Red Bull di Verstappen, Sergio Perez, ha avuto delle difficoltà e chiude in 11a posizione, a 1,1 secondi dalla vetta.

Esteban Ocon dell’Alpine ha ottenuto il nono posto davanti a Daniel Ricciardo, la cui sessione è terminata prematuramente dopo che la McLaren ha scoperto una perdita d’olio dal radiatore della sua vettura. 

Una sessione abbastanza tranquilla è stata brevemente interrotta a 12 minuti dalla fine quando Yuki Tsunoda ha arenato la sua AlphaTauri nella ghiaia alla curva 10. 

All’altra estremità della classifica, Nicholas Latifi è stato ancora una volta ancorato in fondo alla tabella dei tempi delle prove libere per la Williams.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi