Pubblicità

Carlos Sainz si è dovuto accontentare dell’ottavo posto al termine del Gran Premio d’Olanda, dopo che un errore al pit stop della Ferrari è costato un podio allo spagnolo.

A metà gara la Ferrari ha deciso di far rientrare ai box Sainz per reagire a Red Bull e Mercedes ma la squadra non era pronta con le sue gomme quando ha scelto di entrare.

Il Ferrari Team Principle Mattia Binotto afferma che la chiamata per il pit stop è arrivata troppo tardi, motivo per cui Sainz è rimasto bloccato ai box e alla fine ha perso la possibilità di salire sul podio.

“Questa è una delle cose più facili da risolvere. Tuttavia, questo genere di cose non dovrebbe accadere, ma sono convinto che potremo essere più forti in futuro. Sono più preoccupato per il ritmo di questo fine settimana che per certi errori”, ha detto Binotto a Sky Sport .

Alla Ferrari mancava il ritmo per vincere

Nonostante la Ferrari sembrasse avere il ritmo giusto nelle prove libere e avesse lottato per la pole nelle qualifiche, Binotto crede semplicemente che non avesse il ritmo per tenere il passo di Mercedes o Red Bull.

“Il fatto è che non siamo stati abbastanza veloci oggi. Se guardi alla velocità in qualifica, avremmo sperato in un risultato migliore. Tuttavia, la velocità e le prestazioni della vettura non erano buone.”

“Speravamo in un risultato migliore in gara, ma la prestazione non è stata buona sui run più lunghi”

Binotto afferma che la squadra è rimasta delusa dalle prestazioni, dove il loro deficit di prestazioni è stato significativo durante le gare.

Ha aggiunto: “È stato così per tre gare di fila. Ungheria, Spa e ora qui. Non stiamo ottenendo il massimo dalla macchina e chiaramente c’è qualcosa che non va che dobbiamo sistemare”.

La squadra attualmente è seconda nel campionato Costruttori di F1, ma la Mercedes ora è a soli 30 punti da loro.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi